Privacy Policy politicamentecorretto.com - Nobel per l'economia a Giulio Tremonti. La proposta dell’on. Franco Laratta (Pd) e altri parlamentari

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Nobel per l'economia a Giulio Tremonti. La proposta dell’on. Franco Laratta (Pd) e altri parlamentari

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 


 
 

Ecco le motivazioni che hanno indotto l’on Laratta e altri  20 Parlamentari a chiedere l'assegnazione al ministro Tremonti del Nobel per l'Economia per il 2010
per aver affermato nella campagna elettorale del 2008 che: "La nostra pressione fiscale è la più alta d’Europa a causa del vampiro Visco e di quel disastro di Prodi che ha affossato la crescita, affamato le famiglie, distrutto le piccole imprese…”.  Il 2009 si caratterizza quale anno in cui la pressione fiscale è aumentata a livelli da record mondiale.
Per avere previsto  la crescita del PIL nel 2009 dello 0.7% (salvo poi finire con un -6%, il peggior dato dell’ Area Ocse!).
Per avere, col presidente del consiglio, che: “Per rilanciare l’economia occorre mantenere lo stesso stile di vita e non ascoltare la canzone del catastrofismo intonata dalla sinistra. La crisi è psicologica.”
Per avere risposto alla grave crisi economica che ha duramente colpito anche l’Italia, con alcuni strumenti ‘compassionevoli’ di grande efficacia. Quali: la social card e il bonus famiglia, ‘che tutto il mondo ci invidia’! I dati parlano invece di un clamoroso flop.
Per avere promosso, con il presidente Berlusconi, il fantomatico Piano Casa che “ significa dare a chi ha una casa, e nel frattempo ha ampliato la famiglia perchè i figli si sono sposati e hanno dei nipotini, la possibilità di aggiungere una stanza, due stanze, dei bagni, con i servizi annessi alla villa esistente”. Ed inoltre per avere sostenuto che: “se solo il 10% degli italiani decidessero di mettere mano alle loro abitazioni, gli investimenti sarebbero dell’ordine di 60/70 miliardi, circa quattro punti di Pil”!
Per avere ispirato, redatto e fatto approvare dal Consiglio dei ministri il ‘Decreto Abruzzo’, meglio conosciuto come ‘decreto abracadabra’ quale risposta alle terribili conseguenze del recente terremoto in Abruzzo. Secondo un’inchiesta di Repubblica: “I soldi all'Abruzzo in gran parte (4,7 miliardi di euro) saranno racimolati dall'indizione di nuove lotterie, dagli interventi sul lotto, e dai sempreverdi provvedimenti anti-evasione. Soldi veri niente! Inoltre, le risorse saranno spalmate su un periodo lunghissimo (da oggi al 2033), creando di conseguenza fremiti di rabbia dapprima isolati e poi sempre più partecipati.
Per avere varato alcuni decreti legge per lo sviluppo economico con norme incoerenti e contrastanti. Tanto da far intervenire il Presidente della Repubblica e il Presidente della Camera che ne hanno chiesto la correzione immediata per evidenti illegittimità. Per avere varato il primo decreto legge correttivo, appena un minuto dopo che il Parlamento aveva approvato il decreto poi corretto.
Per avere previsto in tempo la grande crisi economica mondiale, salvo poi non prevedere alcun intervento nelle successive Leggi finanziarie al fine di sostenere l’economia reale che stava chiaramente franando.
Per avere caparbiamente tentato l’assalto alle riserve auree della Banca d’Italia ben sapendo che avrebbe dovuto fare i conti con i veti europei.
Per avere previsto un fumoso e irrealizzabile scudo fiscale, che dovrebbe far rientrare i capitali accumulati illecitamente all’estero. Non si vedono file di evasori alle frontiere.
Per avere risposto alla nuova questione meridionale con le vecchie ricette della Cassa del Mezzogiorno e della Banca del Sud.
Per ridotto la questione meridionale ad una questione siciliana, da chiudere con un assegno (in bianco) di 4 miliardi di euro al presidente della Regione Sicilia, Lombardo;
Per  aver trasformato i Fondi Fas (Fondi per le aree sottoutilizzate) in una specie di bancomat al quale attingere per tutte le emergenze, compreso il pagamento delle multe milionarie agli allevatori del nord che avevano sforato le quote  latte previste dall’Europa;
Per avere pagato i debiti del comune di Catania e del Comune di Roma e delle municipalizzate di Palermo con le risorse finanziarie destinate allo sviluppo del Mezzogiorno.

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Doriana Goracci, 21 Agosto, 2009 08:44:46
    caro onorevole e car* rappresentanti tutti, la Vostra Proposta provocatoria, rientra nel Pacchetto che ci dovrebbe sedare, far mettere tranquilli? So quanto vi s-battete nelle carceri italiani, a ferragosto lo sapevamo tutt*, di queste vostre Ispezioni Concordate con la civile polizia carceraria. Bene pensate che non abbiamo i Programmi pieni di questo Cabaret? Tornate in terra, quella che calpestate e affacciatevi in quelle creature, parto vostro e di nonno Napolitano oltre zia Turco e vedete come va la vita, all'interno dei nostrani Cie...per non parlare di certe Corsie, grazie all'Avv. Viglia che pubblica sempre, aggiorno i fatti della notte, può leggerli anche lei e magari commentare... http://www.politicamentecorretto.com/index.php?news=15107

Altre notizie