Privacy Policy politicamentecorretto.com - Gli onn. Oliverio e Laratta sul campo Rom di Lamezia Terme: "Situazione di emergenza per lo sgombero forzato di 600 persone.Grave allarme sociale. Occorre un intervento urgente del Governo!"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Gli onn. Oliverio e Laratta sul campo Rom di Lamezia Terme: "Situazione di emergenza per lo sgombero forzato di 600 persone.Grave allarme sociale. Occorre un intervento urgente del Governo!"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

                            

I deputati del Pd chiamano in causa i Ministri competenti
 
Interrogazione urgente degli onn. Nicodemo OLIVERIO e Franco LARATTA
 
Al Ministro dell’Interno e al Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. -
 
Per sapere - premesso che:
 
il campo ROM di contrada Scordovillo a Lamezia Terme rappresenta un grave problema sociale per la città;
si tratta, in estrema sintesi di un agglomerato di containers installati dal Comune e dalla Protezione civile nel corso del 2003 per ripararvi una comunità ROM che in quel luogo vi era stata trasferita negli anni ’80 e che sino ad allora era stata accampata sulle rive del torrente Piazza, tracimato a causa di un evento alluvionale;
il campo è abitato da circa 600 persone, tutti cittadini italiani, più altre centinaia che vi gravitano;
con il passare del tempo, l’area di contrada Scordovillo, a ridosso della linea ferroviaria Lamezia-Catanzaro, da periferica è diventata sempre più centrale e popolata , sia per la costruzione del nuovo ospedale che per la presenza di numerosi altri edifici pubblici e privati provocando problemi di ordine pubblico e sicurezza;
il predetto insediamento, a causa della sua estrema precarietà, determina una situazione di elevato allarme sociale, con ripercussioni in termini di ordine pubblico e sicurezza, nonché una altrettanto grave situazione di allarme sotto il profilo igienico-sanitario e di incolumità per gli stessi residenti nel campo;
l’Amministrazione comunale è impegnata in azioni di inclusione sociale e di bonifica dell’area: ha sottoscritto la convenzione relativa al progetto “Riqualificazione urbana in località Scordovillo”, finanziato per un importo di 300 mila euro, che prevede un intervento di natura igienico-sanitaria con la realizzazione di una rete idrica, fognaria e un sistema viario;
è stata stipulata, inoltre, una convenzione tra il Comune di Lamezia Terme e l’associazione “La Strada” - che da anni promuove l'integrazione scolastica di giovani altrimenti a rischio di emarginazione ed esclusione e che svolge anche un'attività di sensibilizzazione culturale e di sviluppo professionale tesa a migliorare le relazioni della comunità cittadina con quelle parti della città e della cittadinanza che sono distanti ed escluse - per accompagnare i bambini nelle scuole, e si sono trovate nuove sistemazioni abitative per diversi nuclei familiari;
l’Amministrazione comunale porterà a conclusione tutte le iniziative avviate nell’ambito del PON sicurezza (Programma Operativo Nazionale "Sicurezza per lo sviluppo - Obiettivo Convergenza 2007-2013" che prevede il finanziamento di progetti finalizzati ad aumentare le condizioni di sicurezza e legalità nelle quattro regioni dell'Obiettivo Convergenza: Sicilia, Calabria, Campania e Puglia.) con un progetto che prevede la spesa di 2 milioni e 519 mila euro: dalla bonifica del campo, alla video sorveglianza dello stesso, dall’avviamento ed inserimento sociale e lavorativo dei giovani ROM, la reintegro nel mercato lavorativo dei capifamiglia. La parte più consistente dei fondi è prevista per l’acquisizione di strutture abitative;
tuttavia, tutte le iniziative precedentemente esposte non sono assolutamente sufficienti per risolvere in via definitiva la questione, né per affrontarla adeguatamente;
ad aggravare la situazione, con provvedimento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lamezia Terme n. 535/2011 R.G., è stato disposto il sequestro preventivo dell’Area del suddetto Campo Rom che sarà eseguito con le modalità dello sgombero;
l’allontanamento forzato di circa 600 persone, tra le quali vecchi e bambini, causerà un’evidente situazione di emergenza sia per l’individuazione dei luoghi ove trasferirli, sia per i notevoli oneri finanziari da affrontare;
gli sgomberi, senza un progetto preciso che tuteli le famiglie rom e i minori, costituiscono un motivo ulteriore per esasperare le relazioni tra le persone coinvolte;
è necessario affrontare in modo straordinario l’emergenza partendo da una ricognizione abitativa, dei suoli pubblici e dall’individuazione di risorse economiche adeguate per poter dare una risposta immediata e programmare, in modo graduale, lo sgombero del campo di Scordovillo e la piena integrazione sociale dei suoi abitanti.
 

TUTTO CIO' PREMESSO
SI INTENDE SAPERE
se i ministri in indirizzo siano a conoscenza dei fatti riportati e quali urgenti iniziative di loro  competenza intendano intraprendere per sostenere l'amministrazione comunale di Lamezia Terme nella gestione dell’emergenza venutasi a creare a seguito del provvedimento di sgombero del Campo Rom di Scordovillo, atteso che gli ambiti di competenza assegnati dall’ordinamento alle Autorità locali e le dotazioni finanziarie a disposizione rendono assolutamente indispensabile il coinvolgimento di tutte le articolazioni dello Stato affinché la vicenda possa essere affrontata e risolta con la necessaria tempestività ed efficacia;
se i Ministri in indirizzo non ritengano altresì opportuno valutare, insieme all’Amministrazione comunale coinvolta, un intervento organico e risolutivo di lungo periodo, con finanziamenti adeguati, che rispetti la dignità e i diritti di tutti i cittadini coinvolti;
se i Ministri in indirizzo non ritengano opportuna l’urgente dichiarazione dello stato di emergenza e la nomina del Prefetto a commissario delegato per fronteggiare l’emergenza legata all’ordinanza di sgombero del Campo Rom di Scordovillo.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)