Privacy Policy politicamentecorretto.com - MULTE AGCOM

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

MULTE AGCOM

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 


Ha fatto bene l'AGCOM (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni) e il Presidente Corrado Calabrò, a multare ai tg per l'intervento di Berlusconi nei telegiornali di venerdì scorso, è naturale che quando c'è un'intervento inappropriato nelle televisioni e nella comunicazione ad essa venga applicata le sanzione sancite dalla legge, non si può usare il telegiornale per fare campagna politica non è equa e viola la parità o uguaglianza nelle elezioni politiche, perciò, penso che la commissione ha fatto una valutazione strettamente giuridica e nessuna valutazione politica, la violazione c'è e le sanzioni ne sono la naturale conseguenza. Mi pare che gli elettori hanno bisogno di ascoltare le proposte, altro che gli attacchi e gli insulti. Perciò, il PDL, dovrebbe smettere di attaccare a Pisapia e alla magistratura, invece, farebbe bene a parlare delle proposte e di governare con responsabilità.
 
Non credo ci sia stato nessuna intimidazione politica e mancanza di rispetto per l'autonomia dei direttori come l'ha detto Emilio Fede e come la criticano i direttori dei vari telegiornali dove è apparso il nostro Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, a quanto pare, facendo campagna elettorale per le elezioni amministrative di Milano, dove incluso sembra che direbbe, con Pisapia Milano diventerebbe una città islamica, invece, ritengo necessario che gli elettori hanno bisogno di ascoltare le proposte dei candidati, è essenziale che gli elettori conoscano le proposte che fanno i candidati e perché sia possibile, serve la parità di opportunità perché i due candidati diffondano le sue proposte agli elettori. Nel nostro Paese serve il dialogo e un'opposizione costruttiva.
 
Alberto Calle - Collaboratore di Sintesi Dialettica  ( Italia )
 
http://www.sintesidialettica.it/ChiSiamo.php

Invia commento comment Commenti (0 inviato)