Privacy Policy politicamentecorretto.com - Urge una riforma della legge Gasparri

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Urge una riforma della legge Gasparri

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Negli ultimi mesi è tornato alto  l’interesse dell’opinione pubblica nei confronti della  legge Gasparri  che tanti vorrebbero vedere sostituita da una normativa piu’ equa e pluralista.
 Ad alimentare le polemiche è stato Beppe Grillo che in occasione del Vday2 del 25 aprile ha ricordato come l’Unione Europea abbia aperto una procedura contro la suddetta legge 112 del 2004.
La “Gasparri”, chiamata la terza legge di sistema, perché succeduta alla “Mammi’ del 90 ed alla Meccanico del 97, è stata promulgata per regolare il sistema radiotelevisivo a seguito delle pressioni dell’Unione Europea e della Corte Costituzionale.
L’approvazione della legge ha seguirto un iter piuttosto travagliato, approvata dal Parlamento nel dicembre del 2003, è stata rinviata alle Camere dall’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, a causa delle numerose incongruenze della normativa.


La Gasparri ha sollevato molte critiche soprattutto per la creazione del S.I.C.(Sistema integrato delle comunicazioni) che comprende  l’attività radiotelevisiva, la produzione e distribuzione di contenuti per programmi radiotelevisivi e qualunque forma tecnica dal cinema , alla pubblicità, ad internet, ai libri e prevede che nessun soggetto possa conseguire ricavi superiori al 20% del totale dei proventi ricavabili dal Sic stesso .
In pratica , in questo modo,  i ricavi passano dai 12 miliardi  di euro della Legge Meccanico a 26 miliardi, generando un aumento di concentrazione delle risorse nelle mani di pochi e violando i principi del pluralismo informativo sanciti dall’art 21 della costituzione. L’ampiezza del sic, infatti, sembra poter consentire una crescita del duopolio ancora piu’ rilevante che nel passato.
La legge 247 ha lasciato invariate le frequenze televisive a tre per operatore, mantenendo quindi  lo status quo degli attuali concessionari che potranno continuare ad operare in soprannumero.  Infatti solo successivamente , una volta assegnate le frequenze  in tecnologia digitale, scatterà il limite del 20% dei programmi radio-tv su frequenze terrestri nazionali.
La scadenza per il passaggio di Rete 4 e di un canale della Rai sul satellite è stata piu’ volte posticipata, a causa delle pressioni politiche e sembra che debba cadere nel 2012.
 La normativa prevede  anche un aumento della pubblicità sui mezzi televisivi, a scapito dei giornali, che raccolgono le briciole e sono costretti a sopravvivere grazie alle sovvenzioni statali.
La Comunità europea ha accusato la “Gasparri”di provocare storture ed ingiustificate restrizioni che avvantaggiano gli operatori esistenti nel settore delle forniture dei servizi televisivi. Per la Commissione la legge Gasparri rischia di impedire l’accesso al digitale terrestre di nuovi operatori che non hanno frequenze nelle trasmissioni  analogiche.
Dal canto suo il Governo di centro sinistra uscente, per paura di colpire Berlusconi ,non è stato in grado di attuare una nuova normativa che regolasse il sistema in modo piu’ pluralista ed equo. Il disegno di legge, presentato dall’ex Ministro Paolo Gentiloni e mai tramutatosi in legge ,  aveva ricevuto forti critiche da parte dell’Agcom a causa dell’inadeguatezza della linea seguita

 

 


Come detto L’Unione europea ha avviato una procedura d’infrazione

Invia commento comment Commenti (0 inviato)