Privacy Policy politicamentecorretto.com - Tagli alla scuola

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Tagli alla scuola

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

“Circa 50 parlamentari del PD, dell’Udc e di Idv hanno chiesto con una interpellanza urgente che il ministro Gelmini risponda in aula di Montecitorio sullo stato della scuola italiana, sui pesanti tagli previsti con il DL 112, sui rischi per le università -soprattutto quelle meridionali-, di mantenere l'attuale livello formative”.

Ne dà notizia il deputato del PD, on. Franco Laratta, primo firmatario dell'interpellanza urgente depositata alla Camera.

Secondo il parlamentare calabrese: “mentre la Gelmini definisce ignoranti i docenti del sud e rispolvera l'antico grembiulino nero per gli alunni, la scuola affonda sotto i tagli spropositati di cattedre e docenze, e le università si apprestano a vivere il momento più difficile della loro storia. E nel frattempo impazza il caro libri che sta creando gravi preoccupazioni nelle famiglie. É questo il momento che il ministro Gelmini risponda con urgenza al Parlamento sulla condizione della scuola italiana e su cosa intende fare per evitare che affondì nel caos”.

L'interpellanza urgente di Laratta e altri, sarà discussa immediatamente alla riapertura della Camera dei Deputati, il ministro Gelmini dovrà inoltre dire alle Camere come è possibile aumentare la qualità ed il livello della scuola italiana se nel frattempo il Governo ha deciso di aumentare il numero degli alunni per classe, eliminando il sostegno e riducendo drasticamente il numero dei docenti”.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)

Altre notizie