Privacy Policy politicamentecorretto.com - Ciao Massimo! Troisi nel 1980 al premio “Alighiero Noschese“

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Ciao Massimo! Troisi nel 1980 al premio “Alighiero Noschese“

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

            In occasione del ventesimo anniversario della morte dell’artista napoletano Massimo Troisi ho tirato fuori dall’album dei ricordi la fotografia allegata, che mi ritrae con il gruppo de “ La Smorfia “, costituitosi nel 1979 e scioltosi nel 1981. Nella foto sono con Enzo de Caro, Lello Arena ed il nostro Massimo.

L’occasione consente anche di ricordare uno storico circolo vomerese, il TTC Club in via Paisiello, chiuso purtroppo da diversi anni, che proprio tra la fine degli anni ’70 e gli inizi degli anni ’80 si distinse per le tante manifestazioni culturali che furono coronate da successi a livello nazionale ed internazionale.

Tra le altre la “Mostra internazionale del Fumetto e del Cinema d’Animazione“ che si svolse annualmente e per ben sei edizioni, e che vide ospiti d’eccezione, tra i quali il creatore di Tartan, Edgar Rice Burroughs, che venne a Napoli per la prima volta.

Proprio nell’ambito della Mostra del Fumetto, per dare risalto anche alle attività spettacolari, si decise di dedicare un premio ad un altro grande artista napoletano, purtroppo sovente dimenticato, Alighiero Noschese, morto prematuramente a Roma, a soli 47 anni, nel 1979. In occasione della prima edizione del “premio Alighiero Noschese “ che si svolse  al TTC Club agli inizi del 1980, il premio fu assegnato ad un gruppo emergente, che muoveva allora i suoi primi passi, “La Smorfia “ appunto. Fu così che ebbi occasione di stringere la mano al giovane Massimo Troisi, che allora aveva appena 27 anni e che successivamente, terminata l’esperienza con il gruppo, avrebbe iniziato una folgorante carriera artistica, purtroppo prematuramente interrotta.

 

Gennaro Capodanno

gennarocapodanno@gmail.com

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)