Privacy Policy politicamentecorretto.com - Vomero:riappropriamoci della villa Floridiana. Un gruppo su Facebook con oltre 1.300 iscritti

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Vomero:riappropriamoci della villa Floridiana. Un gruppo su Facebook con oltre 1.300 iscritti

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

        

            “ A distanza di quasi un anno dalla firma della convenzione tra il Comune di Napoli e la Soprintendenza per il Patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico e per il polo museale della città di Napoli, sottoscritta il 20 novembre dell’anno scorso, nulla sembra cambiato – afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari che nei giorni scorsi ha effettuato un nuovo sopralluogo per verificare le condizioni del parco vomerese, affollatissimo complice le belle giornate di questo periodo -. Purtroppo rispetto ai transennamenti presenti da lungo tempo, che impediscono ai visitatori l’accesso a buona parte del parco, non si riscontrano novità percettibili “.

            “ Non è più possibile tollerare questo stato di cose che appare allo stato del tutto inaccettabile – continua Capodanno -. Difatti all’atto della sottoscrizione della convenzione, avvenuta tra strette di mano e sorrisi, era stato chiarito che la Sovrintendenza avrebbe continuato ad avere cura del museo e della custodia, nel mentre il Comune si sarebbe assunto l’onere della cura dei parchi e dei giardini con l'obiettivo di aprire progressivamente integralmente la Villa, affinché fosse del tutto fruibile ai cittadini, cosa che allo stato non si è per nulla verificato  “.

“ Per altro la villa Floridiana, con l’annesso museo Duca di Martina, sulle cui facciate sono state apposte di recente delle mantovane parasassi per la possibile caduta di calcinacci, rappresenta, anche se attualmente solo sulla carta, un grosso contenitore culturale – afferma Capodanno -. Basti pensare al meraviglioso Teatrino di Verzura, realizzato dal Niccolini nel 1817, che durante la primavera e l’estate potrebbe essere utilizzato per spettacoli all’aperto anche in considerazione del fatto che, in occasione dei mondiali ’90, la villa fu dotata di un impianto d’illuminazione per consentire l’apertura pure nelle ore serali. Senza considerare poi che all’interno del parco esistono una serie d’immobili che potrebbero essere destinati a ludoteche per bambini e a sale a disposizione degli anziani “.

Per dire basta all’abbandono e al degrado che attualmente affligge la villa Floridiana, lo stesso Capodanno ha anche creato un gruppo su Facebook che conta oltre milletrecento iscritti, al seguente link:  https://www.facebook.com/groups/villafloridiana/

Invia commento comment Commenti (0 inviato)