Privacy Policy politicamentecorretto.com - Vomero, via Scarlatti: una fontana e tante polemiche

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Vomero, via Scarlatti: una fontana e tante polemiche

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

         Un regalo davvero poco gradito, alla vigila delle festività natalizie, quello della fontana di Tatafiore installata in via Scarlatti al Vomero. Una protesta annunciata, che ha destato veementi reazioni in quanto intacca le tradizioni e la cultura dei vomeresi, molto legati al proprio quartiere e poco disponibili alle imposizioni. Al punto che i residenti, per dispregio non tanto all’artista quanto a chi l’ha voluta e l’ha commissionata, hanno ribattezzato l’opera come la “vasca dei capitoni” rimarcando la somiglianza della struttura rettangolare ai noti banchetti che in questo periodo i pescivendoli utilizzano per la vendita delle anguille. Un manufatto che, costato circa 100 milioni, rischia di diventare l’ennesimo emblema di sprechi e di diaspore. Infatti si vanno ripetendo ormai con frequenza, in città, i casi nei quali l’amministrazione comunale cerca d’imporre sculture che poco o nulla si armonizzano con l’architettura  ed il tessuto circostante, anzi creano un profondo iato, una rottura con l’esistente. E quanto sta accadendo in piazza del Plebiscito dove, sempre in questi giorni, è stato installato il cubo di Ugo Nespolo ma gli esempi che si potrebbero citare sono ormai tanti che bisognerebbe valutare con serietà e maggior rispetto le proposte che al riguardo vengono formulate da più parti. Per l’isola di via Scarlatti, che peraltro il consiglio circoscrizionale del Vomero ha stabilito d’intitolare a Giancarlo Siani, si era da tempo richiesto d’indire un concorso d’idee e sui bozzetti far poi esprimere i cittadini. Invece ci troviamo di fronte al primo esempio, almeno a Napoli, di una fontana installata al centro di una strada e non in una piazza o in uno slargo, spezzando la continuità, anche visiva, del rettifilo vomerese che da S. Martino arriva a via Cilea, cosa che è stata osservata anche dal sovrintendente Spinosa. Insomma una serie di considerazioni che impongono una rivisitazione dell’intera questione e per le quali chiediamo al sindaco Bassolino di far rimuovere la fontana che andrà sistemata in un luogo più consono ed adeguato, nel rispetto della volontà dei cittadini.

In merito alle recenti vicende che hanno visto ancora una volta alla ribalta delle cronache la fontana “Itaca” dell’artista Ernesto Tatafiore, presente nell’isola pedonale di via Scarlatti al Vomero, allego un mio intervento, datato 27 dicembre 1999, pochi giorni dopo l’installazione, avvenuta alla vigilia del Natale di quell’anno.

Per lo spostamento della fontana ho anche promosso una petizione popolare al seguente link: https://secure.avaaz.org/it/petition/Spostate_la_fontana_Itaca_dallisola_pedonale_di_via_Scarlatti_in_unaltra_zona_di_Napoli/?pv=3

 

Gennaro Capodanno

gennarocapodanno@gmail.com

Invia commento comment Commenti (0 inviato)