Privacy Policy politicamentecorretto.com - In distribuzione il secondo romanzo noir di Paolo Calabrò. S’intitola “L’abiezione” (Edizioni Il Prato – serie “I gialli del Dio perverso”)

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

In distribuzione il secondo romanzo noir di Paolo Calabrò. S’intitola “L’abiezione” (Edizioni Il Prato – serie “I gialli del Dio perverso”)

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image
 

 
 
 
 

 
Nino Bellinvia
 
 
 
 
 
 

Caserta. “L’abiezione” è il titolo del nuovo romanzo noir (224 pagine) del filosofo-scrittore Paolo Calabrò di madrelingua napoletana (vive a Caserta), dedicandosi alla famiglia, alla filosofia e al noir. Romanzo che fa seguito al precedente dello stesso genere (ha segnato il suo debutto nel 2015), dal titolo “L’intransigenza. I gialli del Dio perverso” Anche questo è stampato dall’Edizione Il Prato nella Collana Gli Antidoti. Nell’ultima di copertina (come abbiamo letto) è descritto in breve il contenuto del romanzo.
“Non c'è niente di meglio degli auguri di Natale, per il sindaco di Puntammare, la cui principale preoccupazione è nascondere il disastro del bilancio contabile del comune sotto una coltre di vischio e di frasi fatte. E non c'è niente di peggio, per rovinare l'idillio e attirare la stampa, della morte di un notabile: Umberto Salzano, ex presidente del partito locale più in vista, avvelenato da una tavoletta di cioccolato che il comune ha distribuito con dei cesti-dono natalizi. Nico Baselice, vigile urbano - che avrebbe tutt'altri compiti e neanche quelli svolge volentieri - viene chiamato a risolvere il problema: tener fuori il comune da questa storiaccia, in soli quattro giorni. Gli stanno affidando una missione ambiziosa o suicida? Pensano che sia l'unico a potercela fare o c'è qualcuno che spera, per altri scopi, di vederlo fallire platealmente? Dopo L'intransigenza, una nuova storia del "Dio perverso", tra gli uffici e le sacrestie di un paesino del litorale casertano, tra la corruzione dei funzionari e il delirio di un sacro che calpesta tutto ciò che incontra sul suo cammino. Sullo sfondo, una storia di dominazione che risale al tempo della guerra e un amore che non sembra mai essere meno che impossibile”.
Oltre a “L’abiezione” e “L’intransigenza”  l’autore ha già scritto due libri di carattere filosofico, sul pensiero di Raimon Panikkar (“Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne”, Ed. Diabasis, 2011) e su quello di Maurice Bellet (La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell’umano di Maurice Bellet”, Ed. Il Prato, 2014). Dal tentativo di “mettere in scena” le intuizioni filosofiche e psicologiche di Bellet (e dall’impossibilità di dire la sofferenza se non raccontandola), è appunto nato nel 2015 il suo precedente romanzo noir “L’intransigenza. I gialli del Dio perverso” (Edizione Il Prato), primo di una serie ambientata in un paesino del litorale casertano.
Cura il sito ufficiale di Maurice Bellet in italiano e collabora con diverse riviste di filosofia e di cultura, tra le quali i mensili “Lo straniero” (con la rubrica “Considerazioni inattuali”) e “L’Altrapagina”  (rubrica “Dal testo al contesto”) di Città di Castello; il settimanale “Il Caffè” di Caserta; il bimestrale «Testimonianze» di Firenze e,  online, “Filosofia e nuovi sentieri”, “Mangialibri”, “Pagina3”, «AgoraVox.it», ecc. Inoltre è redattore della rivista “Filosofia e nuovi sentieri”..
Ha tenuto seminari di filosofia presso l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, le Università di Udine e di Milano, il Centro Internazionale per gli Studi sul Religioso Contemporaneo di San Gimignano, la Cittadella di Assisi, l’Antica Scuola dei Laneri a Venezia.
È membro dell’associazione di scrittori “NapoliNoir”, fondata da Diana Lama e da Maurizio Ponticello.
Per informazioni e richiesta del volume: Casa Editrice “Il Prato”  – Via Lombardia 41/43 – 35020 Saonara/Padova.  Tel. 049/640105 – Fax 049/8797938; e-mail: ilprato@libero.it
Per contatti con l’autore e-mail: paolo.calabro@gmail.com
Nella foto la copertina del romanzo "L'abiezione" e il suo autore Paolo Calabrò.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)