Privacy Policy politicamentecorretto.com - Finestrino dell'aereo si rompe a 10.000 metri: atterraggio d'emergenza. Choc per un pilota in Cina durante un volo, il parabrezza di un Airbus improvvisamente si stacca. Ha reagito immediatamente

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Finestrino dell'aereo si rompe a 10.000 metri: atterraggio d'emergenza. Choc per un pilota in Cina durante un volo, il parabrezza di un Airbus improvvisamente si stacca. Ha reagito immediatamente

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Attimi di paura lunedì 14 maggio sul volo dell'Airbus A319 partito da Chongqing e diretto alla capitale tibetana Lhasa. L'aereo ha dovuto effettuare un atterraggio di emergenza a causa della rottura improvvisa di un finestrino. A dare la notizia è stato sito online "Flight Radar24": “Il volo è stato dirottato sull' all'aeroporto di Chengdu, atterrando in sicurezza ". Poco dopo la partenza, una crepa è apparsa improvvisamente sul parabrezza della cabina di pilotaggio. I piloti hanno risposto immediatamente e si sono direstti verso l'aeroporto più vicino. Ma la velocità di 800 km / h ha divelto il finestrino poco dopo che iniziata discesa fu iniziata! Le conseguenze sono state devastanti, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”: oltre la depressurizzazione della cabina di pilotaggio, il guasto di un alcune apparecchiature, incluso il pilota automatico. Il pilota, tuttavia, ha mantenuto la calma ed è atterrato in sicurezza all'aeroporto di Chengdu. Il copilota e un altro membro dell'equipaggio sono rimasti leggermente feriti nell'incidente. I passeggeri non hanno riportato ferite e hanno potuto continuare il loro viaggio con un altro aereo.

Lecce, 14 maggio 2018

Giovanni D’AGATA

Invia commento comment Commenti (0 inviato)