Privacy Policy politicamentecorretto.com - Canottaggio. Sei medaglie per l'Italremo Pararowing a Gavirate

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Canottaggio. Sei medaglie per l'Italremo Pararowing a Gavirate

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 

 

 

GAVIRATE, 13 maggio 2018 - Al termine della seconda giornata di finali, l'Italia chiude la 12^ Regata Internazionale Pararowing di Gavirate con la conquista di sei medaglie: due d'oro (doppio misto PR3 di Luca Agoletto, Lucilla Aglioti; due senza PR3 femminile di Greta Elizabeth Muti, Lucilla Aglioti); due d'argento (entrambe vinte nel singolo PR1 da Anila Hoxha); due di bronzo (entrambe vinte da Fabrizio Caselli nel singolo PR1). Il totale delle medaglie conquistate attesta l'Italia al terzo posto nel medagliere a pari merito con Olanda, Germania e Canada. Meglio degli azzurri hanno fatto la Francia, con quattro ori e l'Ucraina con tre.

Per quanto riguarda le medaglie odierne, brilla su tutte l'oro conquistato nella nuova specialità in gara, quella del due senza PR3 femminile, da Lucilla Aglioti, bronzo iridato lo scorso anno nel quattro con PR3, e dalla nuova risorsa Greta Elizabeth Muti, che hanno relegato al secondo posto le vogatrici della Tunisia. Altra buona prova è stata offerta da Anila Hoxha in singolo PR1, la quale esattamente come ieri ha conquistato un'ottima medaglia d'argento, tagliando il traguardo alle spalle dell'imprendibile tedesca Sylvia Pille-Steppart, prima, e lasciando all'ucraina Anna Sheremet la terza piazza.

Conferma la sua posizione anche Fabrizio Caselli col suo secondo bronzo, alle spalle del campione paralimpico 2016, l'ucraino Roman Polianskyi, e all'inglese Andrew Houghton. Quinto posto invece per il quattro con PR3, sceso in acqua con a bordo Federico Nuccio, Lucilla Aglioti, Tommaso Schettino, Greta Elizabeth Muti ed il timoniere Giuseppe "Peppiniello" di Capua, che continua a ricercare la formazione migliore, così come per l'equipaggio azzurro composto dallo stesso Schettino con Luca Agoletto, impegnato nel due senza PR3 maschile.

LEGENDA PARA-ROWING
PR3 (ex LTA): l’atleta utilizza tutto il corpo: gambe, tronco e braccia. Appartengono a questa categoria atleti ed atlete non vedenti, amputati ad un arto o con altre minime disabilità fisiche.
 
PR2 (ex TA): l’atleta utilizza solo il tronco e le braccia. Appartengono a questa categoria gli atleti e le atlete che non hanno l’uso delle gambe o gli amputati a tutti e due gli arti inferiori
 
PR1 (ex AS): l’atleta utilizza solo le braccia e le spalle. Appartengono a questa categoria tutti gli atleti e le atlete che hanno subito lesioni alla colonna vertebrale e compromesso l’uso delle gambe e del tronco.

ID (INTELLECTUAL DISABILITY): atleti con disabilità intellettiva e relazionale.


RISULTATI FINALI Domenica
Galleria foto Premiazioni Pararowing Domenica (ph C.Cecchin)
Galleria foto Regate Pararowing Domenica (ph C.Cecchin)
Speciale Regata Internazionale Pararowing e Master, Meeting Naz.le Giovanile - Gavirate



Invia commento comment Commenti (0 inviato)