Privacy Policy politicamentecorretto.com - Il 26 e 27 maggio a Chiatona-Palagiano lo spettacolo “Dune”, l’incanto di un sentiero possibile, frontiera e soglia fra il litorale privatizzato e cementificato

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Il 26 e 27 maggio a Chiatona-Palagiano lo spettacolo “Dune”, l’incanto di un sentiero possibile, frontiera e soglia fra il litorale privatizzato e cementificato

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
(N.B.) L’incanto di un sentiero possibile, frontiera e soglia fra il litorale privatizzato e cementificato e la zona selvaggia delle dune, abitate da gigli bianchi e rifiuti.
Dopo il successo dell'edizione 2017, sabato 26 e domenica 27 Maggio 2018, a Chiatona (Palagiano – TA) andrà in scena lo spettacolo teatrale itinerante ‘DUNE. Sentieri possibili’, prodotto dal Teatro delle Forchein collaborazione con Reset Chiatona, per la regia di Gianluigi Gherzi, nell’ambito del progetto Clessidra ‘il teatro a partire dai luoghi’.
Direzione artistica: Erika Grillo. Undici gli attori in scena: Michele Bramo, Giorgio Consoli, Francesca Danese, Andrea Dellai, Anna Carbotti, Alessandra Gigante, Erika Grillo, Ermelinda Nasuto, Chiara Petillo, Fabio Zullino e con Giancarlo Luce. Organizzazione e Comunicazione: Alessandro Colazzo. Coordinamento tecnico: Walter Pulpito. Aiuto regia: Tommaso Franchin. Scenografie: Mino Notaristefano. Tecnico: Vincenzo Dipierro.
“L’incanto di un sentiero possibile, frontiera e soglia fra il litorale privatizzato e cementificato e la zona selvaggia delle dune, abitate da gigli bianchi e rifiuti. Dune discarica.
Gli sguardi degli ospiti di passaggio nella casa di accoglienza per i migranti, luogo di partenza del viaggio.
Gli sguardi degli esploratori, intenti a leggere la mappa. E poi le apparizioni fra i rovi, gli sterpi, gli scheletri arsi degli alberi; i nomi greci del mare, memoria di una terra antica. Alla fine, l’approdo: superficie liquida e scintillante al tramonto, sotto la luna. I corpi degli attori a celebrare un rito, una festa.
Una barca totem che punta al cielo, per fare di un territorio una casa - magari provvisoria.
Per imparare la ‘cura’ “ - Erika Grillo
Repliche al tramonto e sera, con inizio alle ore 19.00 e alle 21.30 - ingresso: 10 euro
La prenotazione è obbligatoria in quanto il “luogo speciale” prevede, necessariamente, un numero limitato di spettatori (Raduno in Via Amerigo Vespucci 57, trenta minuti prima dell’inizio dello spettacolo).
Per info e prenotazioni: mail: info.clessidrateatro@gmail.com – sms: 349 7291060 - web: www.clessidrateatro.it
L’evento rientra nel progetto “P.A.S.S.I.” (Progetto, Arte, Spettacolo, Scoperta e Innovazione nella Terra delle Gravine), progetto
artistico triennale 2017/19 a cura del Teatro delle Forche, in ordine all’avviso pubblico per iniziative progettuali riguardanti lo spettacolo dal vivo e le residenze artistiche – Patto per la Puglia – FSC 2014/2020 – Area di intervento “Turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali”.
Nelle foto alcune immagini dello spettacolo.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)