Privacy Policy politicamentecorretto.com - Calabria: bilanci aziende sanitarie, Sapia (M5S) chiede a Scura la rimozione di 8 direttori generali, "preciso obbligo di legge"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Calabria: bilanci aziende sanitarie, Sapia (M5S) chiede a Scura la rimozione di 8 direttori generali, "preciso obbligo di legge"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

«Massimo Scura ha l'obbligo, previsto dal comma 5 dell’art. 12 del Patto per la salute 2014-2016, di promuovere la decadenza dei direttori generali, amministrativi e sanitari delle Aziende della sanità calabrese che non hanno raggiunto l'equilibrio di bilancio». Lo afferma, in una nota, il deputato M5s Francesco Sapia, della commissione Sanità, che in proposito ha chiesto formalmente al commissario Scura di procedere secondo legge nei confronti dei direttori generali Raffaele Mauro, Achille Gentile, Sergio Arena, Giuseppe Panella, Giuseppe Perri, Antonio Belcastro, Angela Caligiuri e Giacomino Brancati, nonché dei rispettivi direttori amministrativi e sanitari, per il mancato raggiungimento dell'equilibrio di bilancio delle Aziende da loro dirette. «Non mi meraviglia – ha scritto a Scura Sapia, che lo scorso 12 aprile ha trasmesso uno specifico esposto alla Procura di Catanzaro e alla Corte dei conti, firmato anche dalla deputata M5s Dalila Nesci – l’inerzia della Giunta regionale, ormai storica, ma evidenzio che il mancato adempimento dei suoi obblighi di legge, nella fattispecie, può ingenerare il più che legittimo dubbio che lei sia più interessato a prolungare il Piano di rientro anziché portarlo a termine. Infatti la conditio sine qua non per la cessazione del regime di commissariamento, al di là di farseschi annunci politici di incatenamento davanti a Palazzo Chigi, è il raggiungimento del pareggio del bilancio regionale della Sanità, che è la sommatoria dei bilanci delle Aziende sanitarie ed ospedaliere». «Un caso a parte, gravissimo ed inqualificabile, costituisce – ha evidenziato il deputato 5stelle nella sua nota al commissario alla Sanità – la mancata presentazione del bilancio per gli anni 2015 e 2016 da parte del direttore generale dell’Asp di Reggio Calabria, Giacomino Brancati, che sembra stia per essere premiato con la nomina a dirigente generale del dipartimento regionale Tutela della salute». Dopo il recente servizio di Le Iene sulla sospensione di Giuseppe Brisinda, primario della Chirurgia dell'ospedale di Crotone, Sapia è tornato sul problema, irrisolto, della gestione delle Aziende della sanità calabrese da parte dei direttori generali nominati dal governatore Mario Oliverio, denunciato dallo stesso parlamentare 5stelle.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)