Privacy Policy politicamentecorretto.com - Luo Zhi Yi a Barolo: la pittura del silenzio. Aula Picta fino al 27 luglio

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Luo Zhi Yi a Barolo: la pittura del silenzio. Aula Picta fino al 27 luglio

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 

 

Si terrà fino al 27 luglio presso l’Aula Picta a Barolo, inaugurata in occasione del Festival Collisioni, la mostra dell’artista cinese Luo Zhi Yi.

 

Luo Zhi Yi è uno degli esponenti più interessanti della nuova arte contemporanea cinese, che sorprende per la qualità del suo lavoro, nel quale il realismo incontra l’astrazione. I suoi dipinti, che riproducono i rimasugli dei fuochi artificiali bene augurali, compongono visioni a prima vista astratte, che poi, ad una visione più ravvicinata, stupiscono per l’esasperato realismo dei piccoli dettagli che compongono questi dipinti , nei quali il gioco delle ombre crea effetti di tridimensionalità che lasciano stupefatti.

 

Le sue opere ci parlano di silenzio. Sembra difficile riuscire a dipingerlo, ma la quiete sembra quasi debordare dagli spazi angusti del quadro, per diventare una suggestione, uno spazio di meditazione. I resti dei Fuochi d’Artificio testimoniano di una festa passata, di sorrisi trascorsi, di un momento di serena riflessione dopo l’esplosione. I colori sono vivaci, ad una prima lettura non c’è traccia di alcuna nostalgia o tristezza. Solo quiete. E silenzio.

 

Artista con studio a Pechino dove vive e lavora, si è conquistato in poco tempo una grande attenzione a livello nazionale ed internazionale. Ed anche in Italia, tanto che la sua prima mostra ha visto una vera sfilata di Vip: da Piero Chiambretti a Anna Tatangelo, da Gene Gnocchi a Shel Shapiro al Master Chef stellato Bruno Barbieri.

 

La mostra è ospitata nel suggestivo spazio di Aula Picta, a Barolo e organizzata da Barolo Art, Diffusione Italia International , in collaborazione con Madeinart Gallery di Milano galleria specializzata in artisti cinesi ed è curata da Vincenzo Sanfo, esperto di arte cinese, curatore della Biennale di Pechino e di numerose mostre internazionali.

 

Foto disponibili su richiesta.


Invia commento comment Commenti (0 inviato)