Privacy Policy politicamentecorretto.com - Garavini all’Intercomites della Svizzera: "Rinvio delle elezioni Comites un atto di arroganza. La riforma deve rafforzare la presenza delle donne e dei giovani"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Garavini all’Intercomites della Svizzera: "Rinvio delle elezioni Comites un atto di arroganza. La riforma deve rafforzare la presenza delle donne e dei giovani"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

„Il rinvio delle elezioni Comites e Cgie è l´ulteriore atto di arroganza da parte del Governo che con strategica regolarità, dal suo insediamento, sta mettendo in atto politiche non ‘per’ bensí ‘contro’ gli italiani all´estero”. Con queste parole Laura Garavini (PD) ha iniziato il suo intervento alla riunione dell´Intercomites svizzero riunito alla Casa d´Italia di Berna denunciando la decisione della destra di togliere agli italiani nel mondo la possibilità di eleggere i propri rappresentanti Comites la prossima primavera come previsto dalla legge.

 

“È inaccettabile che questa maggioranza, avendo paura del giudizio degli italiani dopo i tagli inflitti, cambi le regole democratiche a proprio piacimento”, ha detto la Garavini. Secondo la parlamentare è notevole che l’atteggiamento del Governo non abbia suscitato solo l’opposizione decisa di tutti i deputati del PD eletti all’estero ma che sia stato denunciato unitariamente dal Cgie, dagli Intercomites, e anche dai sindacati dei pensionati e dai giovani italiani nel mondo riuniti alla conferenza mondiale a Roma.

 

Adesso, ha continuato la Garavini, “rispetto ad una preannunciata intenzione del Governo di procedere a riforme di Comites e Cgie deve essere chiaro che, trattandosi di riforme istituzionali, l´opposizione deve venire coinvolta a tutti gli effetti”. Per quanto riguarda i contenuti della riforma la deputata PD ha sottolineato che “personalmente credo che la legge Comites non necessiti di un grande aggiornamento, tranne l´introduzione di una quota donne e un meccanismo di garanzia che tuteli la partecipazione giovanile. La riforma deve garantire che in futuro ci siano più donne e rappresentanti dei nostri giovani”.

 

Per quanto riguarda il Cgie la riforma, secondo la Garavini, va fatta in stretto dialogo con i rappresentanti dei Comites e del Cgie stesso. “È opportuno che anche gli Intercomites si interroghino a breve su eventuali proposte e le facciano pervenire quanto prima a noi parlamentari, cosí che ce ne possiamo fare portavoce in termini legislativi ”, ha detto la Garavini.

 

 

 

 

 

Invia commento comment Commenti (2 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 13 Gennaio, 2009 07:16:23
    Piu che arroganza la chiamerei per il suo vero nome. Rabbia per la vostra propaganda inutile che avete fatto. Poi i tagli( della cuccagna) incominceranno quest´anno. Mentre la vostra propaganda sui tagli che il Governo attuale vi sta facendo ,e´iniziata da oltre tre mesi. Per noi non ´cambiato niente. La legge sul modo delle elezioni del Comites ma anche sulle competenze, si dovra´cambiare e ben vengano le donne e i giovani. Tengo far notare che da quando é stato annunciato che il rinnovo dei Comites avverrá tra due anni. Sono diminuiti, i vostri incontri con le vostre comunitá italiane. Rosario Cambiano Colonia
  • Inviato in data Carmine, 12 Gennaio, 2009 20:46:30
    Onorevola ...Ciao... Bendetto, occorre l’ introduzione di una quata donne e giovani nei Comites ( campa cavallo che l’ erba ..) Mi lasci illuminarla: I Comites non hanno mai funzionato, perche’ in un decennio sono stati subordinati ai CGIE, questi per la maggior parte sono servi dei partiti e amano votare e fare votare Presidenti di Comites “burattini” (anche del suo) I CGIE andrebbero aboliti e Lei lo sa ! Non vado oltre per non offendere dignita’ altrui ma in privato potrei elencarle alcuni nomi di Presidenti che non sanno ( come il sottoscritto ) ne leggere o scrivere Buon lavoro