Privacy Policy politicamentecorretto.com - Vomero: 1.000 no al ritorno di Itaca!

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Vomero: 1.000 no al ritorno di Itaca!

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 

 

 

 

Soddisfazione e ringraziamenti per il grande successo della petizione al link:

https://www.change.org/p/comune-di-napoli-spostate-la-fontana-itaca-dall-isola-pedonale-di-via-scarlatti

 

           

            " In queste ore  è stato tagliato l'importante e fondamentale traguardo delle mille sottoscrizioni alla petizione per dire no all'ipotesi di ricollocare la fontana Itaca al centro dell'isola pedonale di via Scarlatti. Siamo soddisfatti del successo dell'iniziativa anche perché segna il punto di partenza per rilanciare la necessità di far partecipare sempre e fattivamente i cittadini interessati alle scelte relative alla gestione del territorio comunale. Basta con scelte calate dall'alto, come appunto quella della fontana in questione, installata nottetempo nel dicembre del 1999, senza che mai i vomeresi fossero chiamati a esprimersi su questa decisione assunta dell'amministrazione comunale, senza che risulti che fosse stata informata neppure la Circoscrizione ". A dare la notizia è Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, già presidente della Circoscrizione, promotore della petizione al link: https://www.change.org/p/comune-di-napoli-spostate-la-fontana-itaca-dall-isola-pedonale-di-via-scarlatti

 

            " Abbiamo subìto questa decisione per quasi 19 anni, con tutte le varie amministrazioni che si sono succedute, e pur mettendo in campo , in diverse occasioni, numerose iniziative per chiedere il rispetto della volontà popolare manifestatasi, più volte nel tempo, attraverso proteste democratiche e petizioni  - aggiunge Capodanno - . Poi  finalmente è arrivata la rimozione, avvenuta il 1° settembre scorso, molto attesa e gradita dalla maggior parte dei residenti, come si evince anche dai numerosi commenti rilasciati al riguardo sui social e sui siti internet. Commenti che hanno sancito il fatto che i vomeresi questa fontana non la vogliono e che sono disponibili ad ogni forma di protesta democratica, anche stendendosi per terra, se fosse necessario,  pur di evitare che la fontana in questione venga ricollocata al centro dell'importante arteria vomerese ".

 

            " Poco o nulla c'interessa - sottolinea Capodanno - delle dichiarazioni di alcuni soloni che, forse in cerca di un poco di pubblicità a buon mercato, pontificano, senza conoscere la realtà del nostro territorio o per mere ragioni di carattere squisitamente politico, chiedendo che la fontana  venga ricollocata in via Scarlatti. Se a loro piace tanto, e il contesto lo consente, chiedano di farla installare nei pressi della propria abitazione, così potranno ammirarla meglio. Noi vomeresi non la vogliamo per le ragioni più volte espresse e riportate anche nella petizione alla quale si rimanda, e poiché l'arte pubblica è dei cittadini e per i cittadini, in un paese democratico e partecipativo, come dovrebbe essere il nostro, bisogna rispettare la volontà della popolazione interessata, limitandosi a mettere in atto provvedimenti consequenziali di competenza ".

 

            Capodanno coglie anche l'occasione per ringraziare tutti gli organi d'informazione che sono stati vicini ai cittadini in questa battaglia, che andrà avanti fino a quando non sarà decisa la nuova destinazione della fontana con la relativa installazione, invitandoli a continuare nella loro opera di divulgazione per far conoscere la volontà dei cittadini interessati,  nonché tutti coloro che, anche sottoscrivendo la petizione, hanno consentito il raggiungimento dei risultati sin qui attenuti, rassicurandoli sul suo impegno costante e quotidiano finalizzato a far sì che la suddetta fontana non venga mai più collocata in via Scarlatti.


Invia commento comment Commenti (0 inviato)