Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

PAPA: UDC ; IL MONITO DEL SANTO PADRE SPRONI LE ISTITUZIONI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

D'AMBROSIO – CIOCCHETTI "PARTIRE DALLA FAMIGLIA E AVVIARE UNA POLITICA DI
SOLIDARIETA' PER RALLENTARE LA NASCITA DEI "NUOVI POVERI"

 

 

"Mi auguro che le parole  espresse dal Santo Padre servano a spronare le
Istituzioni di fronte alla grave crisi economica ma anche  culturale e di
valori,  ricaduta da tempo sulla città di  Roma e sulla regione Lazio". Lo
dichiara Raffaele D'Ambrosio, consigliere  regionale Udc, che ha partecipato
al'udienza del Santo Padre con gli amministratori locali.  "Le risposte
delle istituzioni locali finora sono state troppo deboli e in alcuni casi
inesistenti. Bisogna partire eliminando le disuguaglianze – continua
D'Ambrosio -  Serve una politica di sviluppo e di incremento di servizi a
360 gradi e una drastica  modifica delle politiche tributarie e tariffarie
che  attenui il divario presente tra i cittadini. A causa dei rincari e
della crisi economica, nel nostro Paese ci sono sempre più "nuovi poveri",
di cui molti sono anziani e altri comprendono il vecchio ceto medio.
Bisognerà avviare nel Lazio un nuovo protocollo finalizzato ad aiutare le
persone e le famiglie in difficoltà,   in grado di portare avanti  una
politica di sostegno alla genitorialità e alle famiglie."  "In questi ultimi
tempi nella città di Roma e nel Lazio si respira un'aria strana, vedi il
caso Alitalia. E' assurdo - commenta  il segretario regionale dell'Udc
Luciano Ciocchetti - che ancora oggi siano incerte le sorti e il futuro dei
10.000 lavoratori, di cui 6000  a tempo indeterminato e 4000  lavoratori
precari, non calcolando poi tutto l'indotto. Inoltre ogni giorno si apprende
dalla stampa l'esistenza di un problema che non è mai stato risolto né
affrontato, cioè quello degli cosiddetti "invisibili", persone che vivono
nei posti più disparati della nostra città, dagli argini dei fiumi alle
gallerie sotterranee –prosegue Ciocchetti -  Da tempo ci si ostina a
contrastare la povertà e il disagio sociale solo in termini di sicurezza e
difesa, escludendo la solidarietà e l'accoglienza. Sarà necessario avviare
nuovi provvedimenti, come ad esempio quello di ricorrere all'uso anche  di
immobili pubblici,  ad esempio le caserme dismesse,  per garantire agli
"invisibili" l'accoglienza dovuta. Per il bene del territorio – conclude
Ciocchetti -  bisogna fermare la nascita di nuovi ghetti, di nuovi poveri, e
rendere partecipe le organizzazioni di volontariato come la Caritas o
S.Egidio, per rilanciare una vera solidarietà  in linea con il messaggio del
Santo Padre".
 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)