Privacy Policy politicamentecorretto.com - Tortura. Il Governo accolga emendamento. Urgente introdurre il reato di tortura

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Tortura. Il Governo accolga emendamento. Urgente introdurre il reato di tortura

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Intervento della senatrice Donatella Poretti, parlamentare Radicale - Partito Democratico

In Italia la tortura non è reato, nonostante siano passati ventuno anni da quando il nostro Paese ha ratificato la convenzione Onu che la vieta. Faccio appello al Governo, affinché accorci i tempi legislativi e accolga il mio emendamento al Dl sicurezza volto a colmare questo vuoto legislativo che ci vede agli ultimi posti in Europa, e sia introdotto finalmente anche nel codice penale il crimine di tortura.
Finora, sono numerosi i  senatori che hanno sottoscritto l'emendamento (1), sono certa che numerosi altri parlamentari anche della maggioranza di Governo potrebbero e vorrebbero  sottoscriverlo.
Come è emerso dalla conferenza stampa organizzata questa mattina in Senato dalla delegazione dei senatori radicali nel PD (2),  ci é sembrato utile sottolineare cosa si intende per tortura e quindi perché sia necessario che in Italia si introduca tale norma, che creerebbe sicurezza per le persone arrestate o comunque detenute, ma anche per quelle persone vittime di qualunque forma di violenza o coercizione, fisica o psichica, esercitata su una persona per estorcerle una confessione o informazioni, o per umiliarla, punirla o intimidirla.
Non si perda, dunque, questa occasione per sanare il vuoto in merito che vige nell'ordinamento italiano. E' una questione di civilta', per un Paese come l'Italia che si e' fatto promotore della campagna all'Onu per la moratoria universale della pena di morte, non e' ammissibile non approfittare di ogni occasione utile per dotarsi di quanto espressamente richiesto dalle convenzioni internazionali ratificate. Non si puo' non prendere atto, inoltre, del grande slancio che anche in campo internazionale sara' dato alla lotta contro la tortura, ora che anche il neo-eletto Presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha annunciato, proprio ieri, scrupoloso rigore da parte da parte degli USA sulla convenzione di Ginevra.

Qui il testo dell'emendamento: http://blog.donatellaporetti.it/?p=361

Qui il disegno di legge: http://blog.donatellaporetti.it/?p=372


(1)  tra cui: Emma Bonino, Roberto Della Seta, Francesca Maria Marinaro, Vincenzo Vita, Manuela Granaiola, Silvia Della Monica, Gerardo D'Ambrosio, Pietro Ichino
(2) cui hanno preso parte anche Sergio D'Elia (Segretario Nessuno Tocchi Caino), Patrizio Gonnella (Presidente nazionale di Antigone), Franco Corleone (Garante dei diritti dei detenuti del Comune Firenze), il Sen. Pietro Ichino (PD) e il Dott. Massimo Germani, specializzato nel trattamento dei richiedenti asilo e rifugiati sopravvissuti a tortura e violenze estreme, collaboratore con il Consiglio italiano per i rifugiati, con L'UNHCR (Alto commissariato nazioni unite per i rifugiati) e con la Commissione nazionale per il diritto di asilo del Ministero dell'Interno -

Invia commento comment Commenti (0 inviato)