Privacy Policy politicamentecorretto.com - Sì alle Province, come nucleo di identità bioregionale!

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Sì alle Province, come nucleo di identità bioregionale!

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Abbiamo iniziato a pubblicare gli appelli al mantenimento delle Province, in chiave bioregionale,   su internet  dal 2008 e prima sulla carta stampata, nei maggiori quotidiani ed in diversi libri editi dalla Rete Bioregionale Italiana, e le tracce per fortuna non sono andate perse…:   https://www.google.com/search?client=gmail&rls=gm&q=no alle regioni carrozzoni sì alle province paolo d’arpini


In realtà se proprio proprio si volesse risparmiare sugli enti inutili e spendaccioni bisognerebbe considerare l'eliminazione delle Regioni. La costituzione degli Enti Regionali in Italia è stato uno dei mali della politica nostrana, tesa a spartirsi la torta amministrativa. Ha fatto comodo ai partiti che si sono creati delle piccole repubbliche all’interno dello stato contemporaneamente permettendo agli amministratori  di mungere alle prebende pubbliche e gestire le ricchezze del popolo a fini personalistici. Prova ne sia -ad esempio- il gonfiamento paradossale della spesa sanitaria, con norme interne, attuazioni e finalità differenziate, con l’impossibilità di trasferimento da una Regione all’altra come si trattasse di stati esteri e con la suddivisione delle cariche e degli enti fra i soliti congiunti politici, senza nessun reale beneficio per la salute pubblica.

La parcellizzazione dell’Italia suddivisa in Enti regionali autonomi  ha portato svantaggi al popolo italiano. Le Regioni sono -a tutti gli effetti-  “repubblichette” indipendenti all’interno del contesto nazionale ed europeo e questo non è un vantaggio per la comunità, anzi ha portato guai, delusioni e persino odi… E di questo non abbiamo bisogno proprio ora che la crisi economica galoppante e la spinta allo sfacelo morale si fa più forte in Italia e nel mondo.

C’è bisogno di solidarietà e di capacità di riconoscersi con il luogo in cui si vive senza però cancellare l’unitarietà della vita e la consapevolezza che il pianeta è uno come una è la specie umana. L’integrazione è solo una ovvia conseguenza del vivere in luogo riconoscendolo come la propria casa. 


Perciò il vero federalismo può essere solo bioregionale ed il riconoscimento con il luogo di residenza deve avvenire nelle forme più semplici e vicine al contesto socio/ambientale in cui si vive. Questo contesto è ovviamente la comunità del paese, e della città che riunisce una serie di paesi in una comunità facilmente riconducibile ad una identità condivisa. Questa è la “Provincia”.

Le Province, quindi,  lungi dal dover essere eliminate dovrebbero anzi assurgere al ruolo rappresentativo dell’identità locale e tale riconoscimento non alienerebbe la comunione ed il senso di appartenenza all’Europa  bensì aiuterebbe il radicamento al luogo in cui si vive e la responsabilizzazione a mantenerlo sano e compatto.

C’è inoltre da dire che dal punto di vista storico le Province da tempo immemorabile hanno rappresentato il “luogo di origine” mentre le Regioni sono state create massimamente a tavolino per soddisfare esigenze politiche indifferenti alla comunità.


Per tutte queste ragioni chiediamo inoltre che si torni a votare a suffragio diretto per l'elezione delle cariche amministrative della Provincia, eliminando l'antidemocratica legge (voluta dal governo Renzi) che consente diritto di voto ai soli consiglieri comunali ed ai sindaci dei comuni inseriti nell'ambito provinciale.

 

Paolo D’Arpini

 

 

Referente  Rete Bioregionale Italiana

Via Mazzini, 27 - Treia (Mc)


Invia commento comment Commenti (0 inviato)