Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

BULLISMO: CIOCCHETTI; NON BASTA UN COMPUTER, SERVE A ROMA UNO SPORTELLO POLIFUNZIONALE

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

-  Una nuova rete multimediale pensata peri i giovani , affiancata da medici specializzati, da psicologi e da assistenti sociali, questa la ricetta UDC -
 
"Regalare un computer al giovane  accoltellato, venerdi' scorso all'Eur, è stato un "nobile" gesto da parte del Sindaco; ma non basterà a contrastare il fenomeno "Bullismo" e gli atti di violenza che hanno colpito Roma in questi giorni ". - è quanto dichiara Luciano Ciocchetti, segretario regionale dell'UDC commentando gli ultimi fatti di cronaca avvenuti nella capitale - " Per contrastare questo fenomeno in continuo aumento bisognerà predisporre  uno sportello  polifunzionale al Comune di Roma, inserendo nel progetto le nuove tecnologie di comunicazione come internet, blog, gruppi facebook e sms.  Da tempo aspettiamo l'osservatorio bipartisan  promesso dal sindaco di Roma Gianni Alemanno e dall'Assessore alle Politiche sociali Sveva Belviso, ma ad oggi, nulla è stato fatto e nella città sono ancora molti gli atti di violenza per mano di adolescenti. Da sempre l'Udc si è mobilitato contro gli atti di "bullismo", aprendo in tempi non sospetti un centro d'ascolto e un numero verde funzionale per le famiglie. Rilancio al Sindaco la nostra proposta ad aprire - continua Ciocchetti - un  centro di ascolto collegato ad una rete multimediale pensata peri i giovani e affiancata da medici specializzati, da psicologi e da assistenti sociali in grado di supportare le famiglie. Una proposta - ha concluso Ciocchetti - che non ha la pretesa di sconfiggere un fenomeno così complesso e articolato, ma  iniziare un processo di sensibilizzazione che per il momento manca nella città. Il compito e le aspettative dell'Udc sono quelle di aiutare i giovani colpiti e le famiglie, prime "vere" vittime del bullismo".
 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)