Privacy Policy politicamentecorretto.com - Piero Portaluppi – (Milano1888- Milano1967)

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Piero Portaluppi – (Milano1888- Milano1967)

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Fin dalla prima giovinezza si contraddistinse per la grande abilità nel disegno satirico,

passione che lo accompagnerà per tutto il corso della sua vita e della sua carriera.

Come caricaturista collaborò con alcuni giornali satirici milanesi tra cui “Il Babau”,

“A quel paese” e il “Guerin Meschino”.

Nel 1910 si laureò in architettura e venne premiato con la medaglia d’oro che il

Collegio degli Ingegneri e Architetti di Milano conferiva al migliore laureato del

Politecnico.

Professore ordinario di composizione architettonica dal 1936 e Preside della facoltà di Architettura di Milano tra il 1939 e il 1963, intraprese, nel 1912 la lunga collaborazione con Ettore Conti, figura di primo piano dell’imprenditoria elettrica italiana.

Per le imprese elettriche “Conti”, o per società ad essa collegate, Portaluppi progettò tra il 1912 e il 1930, numerose centrali idroelettriche, localizzate soprattutto nella val

Formazza.

Tra queste le più famose a Verampio, Valdo, Crevoladossola, Cadarese.

Per l’Azienda Elettrica Municipale di Milano realizzò la centrale di Grosio.

Professionalmente legato alla sua città, vi realizzò edifici pubblici e privati ed

ottenne importanti lavori e incarichi, tra cui il Planetario Hoepli (1929-1930), villa

Necchi-Campiglio (1932-35): raffinato scrigno di modernità e gusto dell’abitare, oltre al restauro della Pinacoteca di Brera (1919-25), della Casa degli Atellani in Corso

Magenta (1919-21), residenza di Ettore Conti, di Santa Maria delle Grazie (1929-48).

Tra i progetti residenziali si annovera anche il palazzo per la società Buonarroti-Carpaccio-Giotto (1926-1930).

Tramite Ettore Conti, Portaluppi si legò a importanti committenti della borghesia

milanese e così diventarono suoi clienti i Borletti, i Fossati, i Crespi.

Nel 1926 vinse il concorso per il Piano Regolatore di Milano. Tre anni dopo fu

chiamato a realizzare il padiglione italiano per l’Esposizione Universale di

Barcellona.

Nel 1920 elaborò due progetti: il grattacielo a New York per la società S.K.N.E. e i

blocchi residenziali del quartiere di Allabanuel.

Fu presidente dell’Ordine degli architetti (1952-1963), membro del Consiglio

Superiore per le Belle Arti e Antichità, del Consiglio Nazionale per le Ricerche, della

Pontificia commissione d’arte sacra, Presidente del Comitato tecnico del Teatro alla

Scala.

 


Invia commento comment Commenti (0 inviato)