Privacy Policy politicamentecorretto.com - Celeste D’Inca (Pari Opportunità MAIE Argentina), “più dirigenti donne”. Sen. Giai, “primo incontro entro l’anno” La coordinatrice mondiale Pari Opportunità MAIE, Mirella Giai: “Abbiamo già iniziato a lavorare, presto una rete in tutto i

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Celeste D’Inca (Pari Opportunità MAIE Argentina), “più dirigenti donne”. Sen. Giai, “primo incontro entro l’anno” La coordinatrice mondiale Pari Opportunità MAIE, Mirella Giai: “Abbiamo già iniziato a lavorare, presto una rete in tutto i

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image
 
 

 
 
 
 
 

Celeste D’Inca è la Coordinatrice Pari Opportunità del MAIE Argentina. Avvocato, 42 anni, Celeste insegna all’Università ed è stata coordinatrice dei giovani nell’Associazione veneta di Mendoza. Ha partecipato a diversi meeting di giovani veneti all estero e alla Conferenza mondiale dei giovani italiani nel mondo tenutasi nel 2008 alla Fao. E’ stata anche coordinatrice MAIE a Mendoza. A nominare Celeste D’Inca è stata la Sen. Mirella Giai, coordinatrice mondiale Pari Opportunità MAIE.
 
Tra gli obiettivi del coordinamento argentino, spiega D’Inca a Italiachiamaitalia.it, “quello di far prendere coscienza alle persone, sia uomini che donne, dell’importanza delle pari opportunità, affinchè le donne possano avere accesso ai posti dirigenziali all’interno della collettività italiana all’estero”.
 
“E’ necessario capire il ruolo delle donne nell’emigrazione – prosegue -. Sono orgogliosa di far parte di questo coordinamento MAIE per le Pari opportunità sotto la guida di Mirella Giai, la prima donna italiana emigrata a diventare senatrice nel Parlamento di Roma”.
Celeste D’Inca collabora con il MAIE da anni, prima nei gruppi dei giovani, ora nel dipartimento Pari opportunità. “Come dirigente veneta, come segretaria del Comites Cuyo, è per me una grande sfida e ringrazio il presidente del MAIE, Sen. Ricardo Merlo, la Sen. Mirella Giai e tutto il Movimento Associativo, in particolare Marcello Romanello per avermi proposto”. Celeste ci tiene anche a ringraziare “Mariano Gazzola, per avermi invitato alla Continentale del CGIE”.
 
ItaliaChiamaItalia ha raggiunto telefonicamente, nella sua Argentina, anche Mirella Giai. La senatrice è positiva e piena di entusiasmo: “Stiamo lavorando con enorme energia – racconta al nostro quotidiano online -, è già previsto un primo incontro prima della fine dell’anno, forse a Mendoza, Celeste ed io ci confronteremo presto anche su questo. Inoltre stiamo organizzando la rete delle Pari Opportunità in tutti quei Paesi dove è presente il MAIE, non solo in Argentina. Sono già impegnata su questo, presto – fa sapere – ci saranno importanti novità”.
 
“Celeste – sottolinea Giai – è una persona speciale, molto in gamba che ha già iniziato a lavorare molto bene, ci siamo sentite diverse volte e stiamo preparando insieme tante iniziative”. “E’ un lavoro che mi piace molto, lo stiamo portando avanti con grande passione – sottolinea in conclusione la senatrice -, sono convinta che riusciremo a portare a casa ottimi risultati”.
 
Fonte: Luca Dassi, ItaliaChiamaItalia


Invia commento comment Commenti (0 inviato)