Privacy Policy politicamentecorretto.com - A fronte del crollo economico dell'azienda, anche l'amministratore più incompetente del pianeta, si ingegna a pensare ad un piano ripresa

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

A fronte del crollo economico dell'azienda, anche l'amministratore più incompetente del pianeta, si ingegna a pensare ad un piano ripresa

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 Nei giorni scorsi il Vaticano ha fatto sapere che le chiese sono sempre più vuote. Il capo del Vaticano invece di meditare sulle cause della fuga e di pianificare come logica pretenderebbe una strategia di rientro, ha consigliato di vendere le chiese e di devolvere il ricavato ai poveri. Per pararsi da eventuali critiche di responsabilità individuali, ha asserito che " lo svuotamento va accolto nella Chiesa non con ansia, ma come un segno dei tempi". Evidentemente, per Bergoglio,  i beni ecclesiastici, le chiese, i monasteri e gli oggetti sacri contenute in essi, non sono una forma di lode e ringraziamento a Dio e soprattutto un luogo dove i cristiani possono pregare e adorare il figlio dell'uomo, ma insignificanti strutture murarie senza valore spirituale e culturale da mettere all'asta al miglior offerente.

Gianni Toffali


Invia commento comment Commenti (0 inviato)