Privacy Policy politicamentecorretto.com - 2019 Un anno difficile per l'Italia e le delusioni degli elettori

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

2019 Un anno difficile per l'Italia e le delusioni degli elettori

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

                                      

 

 

Il paese inizia l'anno con la recessione economica, allora mi chiedo, che fine ha fatto le promesse del M5S e

della Lega Nord di indurre un referendum in modo di poter decidere se uscire o meno dall'euro, e dare un vero

rilancio positivo all'economia dell'Italia? A quanto pare questa promessa si è perso con il governo Lega-M5S,

purtroppo, i giornalisti sembrano avere poca memoria per ricordare le loro pubblicità in merito all'uscita dall'euro ed ecco i risultati, un 2019 difficile per il paese. Dal punto di vista sui porti chiusi, mi chiedo ma i porti sono chiusi oppure aperti? A quanto pare non sono chiusi, visto che dal 22 dicembre ad oggi, in Italia sono sbarcati in realtà 165 migranti su cui sembrerebbe che Matteo Salvini tacerebbe e mi chiedo, che fine ha fatto la promessa zero sbarchi? altra delusione per gli elettori?. In merito chiedo al nostro Ministro Matteo Salvini di chiudere i porti e di spiegare perché autorizzò lo sbarco della Sea Watch violando la decisione della corte di Strasburgo in cui diede la ragione all'Italia dicendo che nessuno doveva scendere dalla Sea Watch. Occorre tre cose da fare nel nostro paese; Uscire dall'euro, cambiare il titolo V della costituzione dando la possibilità ai cittadini di eleggere il Presidente della Repubblica con un sistema presidenziale ed infine, separare la magistratura dalla politica.

 

 

Siamo consapevoli che finché non ci sarà un progetto per creare una sola nazione e una sola identità con un possibile paese chiamato gli Stati Uniti d'Europa, non si può certo pensare che l'UE ci ascoltino, perciò è meglio per l'economia nazionale uscire dall'euro e crearne una nuova moneta sovrana anche sé, sarebbe meglio adottare il dollaro americano.

 

l'Italia ha bisogno di una vera democrazia diretta, considerando che la percezione dei cittadini sulla democrazia a quanto pare è calato, perciò, basta governi tecnici, basta governi non eletti dal Popolo, occorre cambiare il titolo V della costituzione, cambiando da un sistema ormai obsoleta parlamentare a un sistema presidenziale, dove i cittadini potranno eleggere direttamente il Presidente della Repubblica, aggiungerei, di seguire l'esempio degli Stati Uniti, il quale a sua volta si avvicinano all'antico Impero Romano dove il Popolo eleggeva ogni anno i loro rappresentanti, allora, Roma capitale d'Italia, potrebbe con maggiore ragione dare ai cittadini la possibilità di eleggere i parlamentari ogni due anni e il Presidente della Repubblica ogni 4 anni.

 

In merito alla separazione dell'influenza politica dalla magistratura, sarebbe opportuno, cambiare l'articolo 135 della costituzione, dove nessun giudice della Corte Costituzionale sarà eletto direttamente dall'esecutivo e cioè dal Presidente della Repubblica, e naturalmente il Presidente della Repubblica non potrà essere a sua volta presedente del CSM, non dimentichiamoci che sono calati la fiducia nei legislatori negativi cioè chi amministra la giustizia, noi dobbiamo ridare la fiducia ai cittadini, ma occorre fare dei cambiamenti.

 

Alberto Calle - Redattore di Politicamente Corretto - Italia


Invia commento comment Commenti (0 inviato)