Privacy Policy politicamentecorretto.com - EHI AMORE… CREDO DI AVER INGOIATO IL TUO CHEWINGUM

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

EHI AMORE… CREDO DI AVER INGOIATO IL TUO CHEWINGUM

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Alessandra Broglia

 

Ci attende dal 15 al 17 febbraio al Teatro Euclide di Roma, Ehi, amore…credo di aver ingoiato il tuo chewingum, la nuova commedia brillante della compagnia Colpo di Scena. Un titolo che sa suscitare quella simpatia, capace di riportarci a memorie adolescenziali, ma così attuale nei contenuti, tra intrecci e divertenti contraddizioni. L’ansiosa Denise, pervasa dalla passione per la musica, per questa ragione sembra ritrovarsi in una serie di incontri tra persone che appaiono così diverse tra loro, da non avere nulla in comune. Tra i personaggi ecco alternarsi Marcello, impacciato e fragile, tale da collezionare esilaranti fallimenti sentimentali; Gianni Corbucci, che con la sua arroganza, si presenta forte, grazie alla sua condizione sociale ed economica; Daria, che sicura del suo fascino, confida nel coraggio e saccenteria dell’avvocato Max Scotti, nella realizzazione dei propri progetti. Un divertente groviglio di situazioni che saprà coinvolgere il pubblico in un vortice di risate, per questa commedia scritta e diretta da Vito Boffoli, con scene e luci affidate a Vittorio Fedeli e le coreografie di Pina Perla. Tra gli interpreti in ordine di entrata: Alessandro Miele, Ilaria Serantoni, Gianluca Cecconello, Francesca Brunetti e Paolo Maniscalco.

Il Teatro Euclide, ristrutturato e inaugurato nel 1990, era negli anni ’50 una sala cinematografica dal nome omonimo. Grazie alla progettazione dell’architetto Damiano Adelfio e dell’inventiva del direttore artistico Vito Boffoli, è stato trasformato in uno spazio capace di offrire, tra sinergia di idee e creatività, una nutrita programmazione teatrale, cui si uniscono tra i vari ambienti al suo interno, mostre, concerti e conferenze.

 


Invia commento comment Commenti (0 inviato)