Privacy Policy politicamentecorretto.com - A Lourdes per chiedere la grazia di un lavoro

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

A Lourdes per chiedere la grazia di un lavoro

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Durante la trasmissione “Stasera Italia” di lunedì 11 febbraio, si è parlato di una cosa abbastanza singolare: alcuni fedeli disoccupati si sono recati a Lourdes non per chiedere la guarigione da una malattia, bensì un lavoro. A ben riflettere, però, la faccenda non è tanto singolare, giacché Nostra Signora di Lourdes in qualche maniera fu una grande datrice di lavoro. Grazie a lei, infatti, prima ancora che Bernadette entrasse in monastero, il commercio delle immagini di Lourdes, della grotta di Massabielle, della statua della Madonna, degli occhioni malinconici della veggente, andava a gonfie vele. Il fotografo Billard-Perrin, col permesso delle autorità ecclesiastiche, ebbe l’onore e il vantaggio economico di fotografare Bernadette. L’editore M. Dufour,  col permesso del vescovo, condusse la ragazza nello studio  Annet di Tarbes, e fece ben 16 clichés. E non fu forse Nostra Signora in persona ad ordinare a Bernadette una cappella? Per le Signore delle apparizioni la costruzione di una cappella significa gettare le basi per futuri santuari, basiliche, alberghi, piscine, fontane, negozi a iosa di souvenir e articoli sacri. Lavoro per tutti. Con tutto il rispetto per Nostra Signora, diciamo che il Figlio non prese per niente da lei. Non chiese una cappella in suo onore, quando apparve agli apostoli, e nel periodo della predicazione cacciò i mercanti dal tempio. Ma erano altri tempi.

Renato Pierri

 


Invia commento comment Commenti (0 inviato)