Privacy Policy politicamentecorretto.com - AUTISMO. FERRARA (OISMA): SI PUÒ PLASMARE SENZA COERCIZIONE SE NE PARLERÀ A ROMA IL 6 APRILE AL CONVEGNO DE LA SAPIENZA CON IDO

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

AUTISMO. FERRARA (OISMA): SI PUÒ PLASMARE SENZA COERCIZIONE SE NE PARLERÀ A ROMA IL 6 APRILE AL CONVEGNO DE LA SAPIENZA CON IDO

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Roma, 11 marzo - “Siamo biologicamente determinati per essere indeterminati”. Ecco il motto del convegno ‘Plasmare la complessita', autismo tra mente e corpo’, organizzato a Roma il 6 aprile dall'Universita' degli studi La Sapienza, l'Istituto di Ortofonologia (IdO) e l'Osservatorio italiano studio e monitoraggio autismo (Oisma), in occasione della giornata mondiale che ricorre ogni anno il 2 aprile. Il convegno si svolgera' nell'Aula Gerin de La Sapienza in Viale Regina Elena 336 dalle 8.30 alle 16.30.
“E' una frase del professore François Ansermet e ci può rassicurare- spiega Rosaria Ferrara, presidente Oisma- perché tutto muta nella vita, anche noi mutiamo. Non usiamo mai due volte lo stesso cervello, l’interazione con gli altri lo fa mutare in continuazione. In quest’ottica deve essere inserita anche la terapia, la riabilitazione e le attività creative. Si può plasmare anche l’autismo senza una coercizione- conclude- ma bisogna farlo garantendo il diritto alla felicità di questi soggetti, che non va mai dimenticato”.
In aiuto delle famiglie l'Oisma presenterà il 6 aprile un progetto di mappatura delle strutture più accreditate e indicate sul territorio nazionale per trattare ogni singolo caso specifico. Dai Centri che promuovono la riabilitazione a quelli che puntano sulla socializzazione e l’inserimento lavorativo.
Il 6 aprile l’autismo sarà osservato da due prospettive differenti: quella del terapeuta e quella della famiglia. A garantirlo sono i numerosi esperti che prenderanno parte alla giornata di studio: Nicola Purgato, responsabile della comunita' educativa riabilitativa Antenna 112 di Venezia (Mestre); Chiara Mangiarotti della Fondazione Martin Egge; Gianni Carbone, docente di Economia de La Sapienza, che approfondirà gli aspetti della disability management e le misure da prendere per favorire l'inserimento lavorativo dei giovani con autismo; Magda Di Renzo, responsabile del servizio Terapie dell'IdO; Rosaria Ferrara, psicologa e presidente Oisma; Enrico Nonnis, neuropsichiatra infantile e direttore dell'Unita' Complessa di Salute mentale dell'eta' evolutiva della Asl Roma 3. Tante e diverse le professionalita' perche' l'autismo e' una questione complessa, che richiede piu' sguardi. Ci sara', infine, l'attrice Sabrina Paravicini con il figlio Nino, asperger, per presentare il loro film 'Be kind'.
L'ingresso e' libero e sara' possibile ricevere un attestato di partecipazione. Per ricevere informazioni scrivere a info@oisma.it; il programma è sul sito IdO


Invia commento comment Commenti (0 inviato)