Privacy Policy politicamentecorretto.com - Tajani e le solite ovvietà su Mussolini

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Tajani e le solite ovvietà su Mussolini

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

"Mussolini? Fino a quando non ha dichiarato guerra al mondo intero seguendo Hitler, fino a quando non s'è fatto promotore delle leggi razziali, a parte la vicenda drammatica di Matteotti, ha fatto delle cose positive per realizzare infrastrutture nel nostro paese, poi le bonifiche”. Così Antonio Tajani intervistato a La Zanzara su Radio 24. Ma guarda un po’. E ci voleva il presidente del Parlamento Europeo, per dire questa ovvietà? A parte questo, a parte quell’altro e quell’altro ancora, a parte tutte le nefandezze, gli errori, la morte di milioni d’innocenti, in fondo, diciamola una buona volta la grande verità: Mussolini ha fatto anche delle cose positive. Ma guarda un po’. E’ davvero difficile che un dittatore, anche il peggiore del mondo, non abbia fatto qualcosa di positivo. Ma che lo diciamo a fare? Le cose positive vengono, cancellate, vanificate dalle nefandezze. Ma quante volte abbiamo sentito questi discorsi? A che cosa servono? A niente. Proprio a niente. O forse a far contento qualche nostalgico. 

Renato Pierri  


Invia commento comment Commenti (0 inviato)