Privacy Policy politicamentecorretto.com - Testamento biologico: dell'eutanasia si puo' parlare solo per vietarla! Verso una legge teocratica in violazione della Costituzione

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Testamento biologico: dell'eutanasia si puo' parlare solo per vietarla! Verso una legge teocratica in violazione della Costituzione

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Intervento della senatrice Donatella Poretti parlamentare Radicali - Partito Democratico, membro della direzione dell'associazione Luca Coscioni

 

Oggi nella commissione Sanita' del Senato, dove la seduta era secretata..... cos'e' successo?
Ha dell'incredibile la decisione del relatore Raffaele Calabro' di inserire all'articolo 2 del testo base sul testamento biologico il divieto dell'eutanasia e del suicidio assistito, dopo che la commissione Sanita' non aveva abbinato al dibattito il ddl dei senatori radicali che disciplinava sia il testamento biologico che l'eutanasia. All'epoca venne argomentato che il ddl era stato assegnato alle due commissioni congiunte Sanita' e Giustizia, oggi ci si arrampica sugli specchi!
La commissione Sanita' puo' esaminare, discutere, votare il divieto di eutanasia, mentre per regolamentarla avremmo bisogno del supporto della commissione Giustizia!
Un dettaglio grottesco di una vicenda preoccupante che non parte nel migliore dei modi. Nonostante le rassicuranti parole del relatore Calabro' che auspica un confronto costruttivo, viene presentata una legge che introduce principi e concetti teocratici, in direzione opposta alla Costituzione. Il testo base nell'articolo 1 sancisce che "la Repubblica riconosce il diritto alla vita inviolabile e indisponibile": un testo che non vuole normare e disciplinare il testamento biologico e quindi la possibilita' per un paziente di esprimere le proprie volonta' di trattamenti, ma una legge dove non e' il paziente ad avere l'ultima parola su se' stesso ma il medico, che dovra' anch'esso seguire questi principi dello Stato teocratico.
9.02 30/01/2009

Invia commento comment Commenti (0 inviato)