Privacy Policy politicamentecorretto.com - Danni da ritardo o cancellazione dei voli

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Danni da ritardo o cancellazione dei voli

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 Corte di Giustizia UE: Le cause per i rimborsi possono essere introdotte solo in tre città: al bando il “foro del Consumatore” o le città dove le compagnie aeree hanno succursali. Si può citare o ricorrere solo dove ha sede legale la società oppure nelle città di partenza o arrivo del volo

 

Un’importante decisione della Corte di Giustizia UE, mette fine ad un’annosa diatriba circa il foro competente per le cause sui rimborsi per i ritardi dei voli aerei. Per i giudici europei, infatti, tutte le controversie in materia devono essere avviate dove ha sede legale la compagnia aerea oppure nelle città di partenza o arrivo del volo, ma non dove la società ha succursali. La Corte UE ha ricordato che il regolamento europeo sui diritti dei passeggeri non contiene norme che definiscono la questione, quindi vanno applicati i principi della competenza giudiziaria. In virtù di tali criteri, quindi, «la giurisdizione competente potrebbe situarsi nel luogo di partenza o nel luogo di arrivo del volo interessato, secondo la regola di competenza speciale fondata sul luogo di esecuzione dell'obbligazione» del servizio fornito, «oppure nel luogo in cui la compagnia aerea ha la sua sede sociale». Nel caso giunto sino al massimo consesso giurisprudenziale dell’UE, quindi, il passeggero del volo Ryanair Porto-Barcellona non avrebbe dovuto rivolgersi al tribunale di Girona in Spagna, dove la compagnia irlandese ha una succursale, ma a quello di Porto in Portogallo o a quella di Barcellona in Spagna, oppure a quella di Dublino in Irlanda. Peraltro, sottolineano i giudici della corte con sede in Lussemburgo, a competenza speciale in favore del consumatore (domicilio del consumatore) non è invece applicabile. Per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”,,  si tratta di un’importante decisione che chiarisce, si spera definitivamente, un punto significativo ai fini della tutela dei diritti dei viaggiatori che hanno subìto e che subiranno le conseguenze tra disagi e danni conseguenti a cancellazioni e ritardi di voli aerei, contribuendo alla certezza del diritto di poter agire per vedersi rimborsati o comunque indennizzati.

Lecce, 11 aprile 2019                                                                                                                                                                                            

Giovanni D’AGATA


Invia commento comment Commenti (0 inviato)