Privacy Policy politicamentecorretto.com - Massafra. Apre il parco “Madre Teresa di Calcutta”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Massafra. Apre il parco “Madre Teresa di Calcutta”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image
 
 
 
 
 
 
Nino Bellinvia
Apre il parco “Madre Teresa di Calcutta” di Massafra.
Con atto di Giunta comunale è stata affidata la gestione condivisa del parco all’Associazione/Comitato di “Quartiere Madre Teresa di Calcutta”.
La stessa Associazione, in modo volontario e gratuito, garantirà la custodia e la pulizia dell’area, la piccola manutenzione e la gestione delle attività promosse, anche da altri soggetti, all’interno del parco.
Le manifestazioni a carattere straordinario che si organizzeranno in tale luogo, saranno soggette ad opportuna autorizzazione da parte dell’Ente comunale.
L’Associazione/Comitato di Quartiere “Madre Teresa di Calcutta”, nella istanza di richiesta, che è stata ritenuta conforme al “Regolamento sulla collaborazione tra cittadini ed amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani”, assicurava la disponibilità a gestire il luogo in modo condiviso e gratuito, nell’ambito di un progetto di inclusione sociale e di rispetto di spazi all’aperto, eseguendo le varie attività che rendessero “fruibile” il parco ubicato nella Zona 167.
In seguito all’avviso previsto dal suddetto “Regolamento sulla collaborazione tra cittadini ed amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani”, era pervenuta altra istanza che, pur meritevole nei contenuti, non rispettava pienamente le finalità del citato Regolamento soprattutto per quanto riguarda l’art. 9. Tale articolo non consente la realizzazione, all’interno del parco pubblico, di un gazebo in legno per la gestione di una piccola attività ricettiva e ricreativa, cosa, invece, inserita nella proposta dell’altro Comitato. La gestione deve riguardare azioni e interventi di cura e rigenerazione condivisa di immobili e spazi pubblici.
 Il sindaco Fabrizio Quarto ha sottolineato che, con l’adozione del formale atto di affidamento del Parco “Madre Teresa di Calcutta”, si consegna un altro “spazio”, rientrante nella visione/obiettivo di Città aperta, condivisa e partecipata.
“E’ il solco (ha continuato Quarto) già tracciato da questa Amministrazione che intende consegnare alla popolazione “palestre di socializzazione”, così come ha fatto con il Campo Polivalente in Via Martina Franca, i rinnovati Plessi Scolastici, per finire al percorso atletico nei pressi dello Stadio, oltre alla piena fruibilità e all’utilizzo consolidato di Sale e Teatro di proprietà comunale.
Il Parco (ha concluso il sindaco) necessita sicuramente di ulteriori interventi che lo rendano pienamente vivibile, dopo i deprecabili danni commessi dai soliti ignoti, ma ciò non impedirà alla cittadinanza di iniziare a “praticarlo”, anzi tale attività costituirà uno sprone a fare sempre meglio, sia per il Comitato, sia per l’Amministrazione”.
Nelle Serate di sabato 13 e domenica 14 aprile primi eventi nel Parco con la “Passione Vivente” organizzata dall’Associazione Culturale “La Durlindana”.
Nella foto (da s) il dirigente LL.PP. Giuseppe Iannucci, il presidente del Comitato di quartiere Giuseppe Liuzzi e il sindaco Fabrizio Quarto.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)