Privacy Policy politicamentecorretto.com - La Camera ha abolito le sanzioni previste per gli alunni della scuola primaria contemplate in un Regio Decreto del 1928.

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

La Camera ha abolito le sanzioni previste per gli alunni della scuola primaria contemplate in un Regio Decreto del 1928.

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 La "commutazione di pena" per i cattivi alunni è stata compensata dalla reintroduzione della materia di educazione civica. Un "peso", o meglio, un palliativo, che l'esercito di bulletti che spadroneggia nelle scuole di ogni ordine e grado, riuscirà sicuramente a superare senza che lo spirito di prevaricazione verso i compagni venga a meno. Tuttavia, il governo non ha toccato un altro punto caldo della scuola: l'incompetenza e l'inadeguatezza all'insegnamento di non pochi insegnanti.  I dati del Ministero dell’Istruzione sottolineano che su 800.000 insegnanti in servizio, ogni anno poco più di 2.000 sono sottoposti a indagini e procedimento. Per 29 di loro si arriva al licenziamento, mentre 746 ottengono l’archiviazione. Ciò dimostra che gli insegnati della Scuola Pubblica sono una casta intoccabile che andrebbe finalmente toccata! In Italia da tempo la scuola non è più vissuta come una comunità educante ma un luogo dove i genitori sono interpellati solo per riparare infissi e pavimenti o per partecipare a riunioni dove tutto è già stato deciso. E' giunto il tempo che il governo giallo verde celebri il funerale degli organi collegiali ove partecipano i consigli di classe, d’interclasse e d’istituto e si dia spazio a forme di reale partecipazione in cui i genitori abbiano maggiore voce in capitolo. Solo attraverso questa nuova strada si potrà ricreare quel rapporto di fiducia tra scuola e famiglia che oggi è logorato.

gianni toffali


Invia commento comment Commenti (0 inviato)