Privacy Policy politicamentecorretto.com - In attesa di Obama: si dice NO-OCCUPANDO

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

In attesa di Obama: si dice NO-OCCUPANDO

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 


Alle ore 10.13 di oggi (sabato 31 gennaio 2009) una vasta rappresentanza di cittadini contrari all’installazione della nuova base SETAF presso l’aeroporto Dal Molin, sono ENTRATI NELL’AEROPORTO (parte civile) OCCUPANDONE ALCUNE STRUTTURE. Questo è il VIDEO del 31 gennaio 2009 dell’Aereoporto occupato.
Era il 22 dicembre 2008  e il No Dal  Molin  aveva inviato un altro video ad Obama
Difendere Vicenza? Yes, we can
[…] L’area che gli statunitensi vorrebbero occupare e militarizzare, dunque, è stata liberata e da oggi, per la prima volta, è accessibile a tutti i cittadini. Nei giorni scorsi, del resto, i No Dal Molin erano stati chiari: se partiranno i lavori non staremo a guardare […]Scrivevano i vicentini: “Lo scorso 5 ottobre, attraverso la consultazione popolare, i partecipanti al voto hanno deciso a larga maggioranza che quel territorio deve essere destinato a usi civili; perseverare nel voler realizzare il progetto significa calpestare la democrazia. Un progetto, tralatro, illegittimo e illegale, perché i proponenti si sono rifiutati di accettare la redazione di una rigorosa valutazione di impatto ambientale, strumento di tutela della salute e del territorio imprescindibile.
L’occupazione proseguirà ad oltranza”.
Sono andati oltre…”Duecento persone  dunque,  sono tornate a protestare contro la base americana di Vicenza. Limitati gli scontri con la polizia anche perchè l’Enac, titolare dell’area civile dell’aeroporto, ha permesso che la manifestazione proseguisse. Al momento attuale non conosciamo le possibilità di resistenza nonviolenta degli occupanti (acqua, cibo, freddo e resistenza psicologica) ma l’invito è di recarsi in quanti più possibile a dare sostegno agli occupanti. LUOGO: VIALE SAN ANTONINO, VICENZA (aeroporto civile)”.
“Invitiamo tutti coloro che si oppongono alla base a raggiungerci in via S. Antonino; abbiamo rimosso il filo spinato, l’ingresso è libero e, finalmente, questo grande prato verde è parte integrante della città del Palladio.
Il futuro è nelle nostre mani: fermarli tocca a noi”. No Dal Molin!
 
Occupato il Dal Molin Lato civile
Tutto ciò che è stato scritto, è tratto dal sito http://www.nodalmolin.it/ 
Era il 17 febbraio 2007: c’era il governo Prodi e  si scese in strada a Vicenza per dire NO.
Era l’ 8 aprile 2008  e arrivò  Berlusconi e si scese in strada a Vicenza per dire NO.
Tutta la mia solidarietà anche dalla Tuscia per  chi rimane COIPIEDIPERTERRA e lotta.
E’ NO, tanto in inglese come in italiano. NO  come NO WAR.
Doriana Goracci
http://www.reset-italia.net/2009/02/01/in-attesa-di-obama-si-dice-no-occupando/

Invia commento comment Commenti (0 inviato)