Privacy Policy politicamentecorretto.com - VESCOVO DI KAYA: «IN BURKINA FASO UNA GUERRA DICHIARATA CONTRO GESÙ CRISTO»

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

VESCOVO DI KAYA: «IN BURKINA FASO UNA GUERRA DICHIARATA CONTRO GESÙ CRISTO»

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Cliccate qui e qui per scaricare le relative immagini.
 
 
Marta Petrosillo
Portavoce ACS-Italia
 
mp@acs-italia.org

 

 

«La situazione si aggrava sempre più. Non sappiamo esattamente chi siano i responsabili degli attentati ma è chiaro il movente religioso. Dopo l’attacco di domenica a Dablo, ieri altri quattro fedeli sono stati uccisi durante una processione mariana». Così riporta in una conversazione telefonica con Aiuto alla Chiesa che Soffre il vescovo di Kaya, monsignor Théophile Nare che denuncia un nuovo attacco anticristiano dopo quello di domenica scorsa alla chiesa cattolica di Dablo – costruita grazie ad una donazione di ACS - nella diocesi di Kaya, costato la vita a cinque fedeli e al loro sacerdote, don Siméon Yampa. Nel primo pomeriggio di ieri, infatti, nella provincia di Bam sempre nel Nord del Paese quattro cristiani appartenenti alla parrocchia du Notre-Dame du Lac sono stati uccisi mentre portavano in processione una statua della Vergine dal villaggio di Kayon a quello di Singa.

«È chiaro che si vuole eliminare la presenza cristiana», afferma il presule, alla guida della diocesi di Kaya soltanto dallo scorso dicembre. Monsignor Nare denuncia un’escalation di attacchi anticristiani nell’area settentrionale del Paese che ha avuto inizio il 17 marzo con il rapimento di don Joël Yougbaré, parroco di Djibo nella diocesi di Dori. «È la diocesi vicina alla nostra ed è l’area in cui vi è maggiore presenza di terroristi, a causa della vicinanza al confine con il Niger. Ma non sappiamo chi sono questi fondamentalisti perché nessun attacco è stato mai rivendicato e i colpevoli agiscono sempre a volto coperto. Ciò che è certo è che ormai l’area in cui ci troviamo è diventata un’enclave alla quale neanche l’esercito ha accesso». Non è possibile identificare la provenienza dei terroristi – come invece avvenuto in altri casi - neanche dall’idioma. «Parlano sempre la lingua delle vittime». L’unico elemento che si conosce è la religione. «A Dablo, come in altri attacchi, hanno detto alle vittime che le uccidevano perché non praticavano la “vera religione”, ovvero l’Islam. E poi hanno sparato al tabernacolo. Quale messaggio più chiaro per dire: “non vogliamo che voi cristiani pratichiate la vostra religione”?».

Il terrore si diffonde all’interno della comunità cristiana che a Kaya è nettamente inferiore a quella musulmana. «Dopo l’attacco di domenica sono andato a Dablo per incontrare i miei fedeli per cercare di confortarli ed ovviamente erano terrorizzati», afferma monsignor Nare notando come il messaggio di solidarietà inviato da Papa Francesco dopo l’attentato costituisca un grande incoraggiamento per tutta la diocesi e per il suo pastore. «Ho detto loro che non siamo soli e che il gesto del Santo Padre rappresenta l’intera Chiesa universale che si stringe attorno a noi. Poi li ho invitati ad avere fiducia e a non scoraggiarsi, anche se vogliono impedirci di pregare, se vogliono distruggere la nostra Chiesa. Noi dobbiamo continuare a pregare perché quella in atto in Burkina oggi non è soltanto una guerra contro noi cristiani, ma è una guerra dichiarata contro Gesù Cristo».


Invia commento comment Commenti (0 inviato)