Privacy Policy politicamentecorretto.com - Manca il programma di calcolo degli Indicatori Sintetici di Affidabilità Fiscale (ISA). Opportuno concedere la proroga dei versamenti

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Manca il programma di calcolo degli Indicatori Sintetici di Affidabilità Fiscale (ISA). Opportuno concedere la proroga dei versamenti

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

La mancata pubblicazione del programma di calcolo degli “ISA” rende necessaria la proroga, per tutti i contribuenti con Partita Iva, dei versamenti a saldo e in acconto derivanti dalla dichiarazione dei redditi e dalla dichiarazione Irap.

Le attuali scadenze previste per il 1° luglio (il 30 giugno cade si domenica) ed il 31 luglio con la maggiorazione dello 0,40%, dovrebbero essere così modificate:

a) 31.07.2019 senza maggiorazione;

b) 20.08.2019 con la maggiorazione dello 0,4%.

La proroga dovrebbe riguardare anche il versamento a saldo dell’IVA 2019 per i soggetti che non hanno pagato entro il 16 marzo, il diritto annuale della Camera di Commercio ed i contributi previdenziali.

Secondo il nostro parere, la proroga dovrà interessare tutti i contribuenti con partita Iva, e quindi non solo quelli a cui si rendono applicabili gli ISA ma anche i soggetti che presentano cause di esclusione, i soggetti minimi/forfetari e i soci/associati di imprese/studi professionali interessate o meno dagli ISA.

 

Come noto, gli Studi di settore hanno finito la loro epoca con il periodo d’imposta 2017 e sono stati sostituiti dagli ISA a partire dall’anno 2018.

Con il Provvedimento n. 126200 del 10.05.2019, l’Agenzia Entrate ha stabilito che  i livelli di affidabilità fiscale ai quali sono collegati i benefici premiali, sono quelli che esprimono un voto pari a 8 – 8,5 – 9.

Con lo stesso Provvedimento, l’Agenzia ha chiarito che il livello minino di affidabilità al fine di selezionare i contribuenti oggetto di possibile controllo, interessa punteggi minori o uguali al 6.

Con una punta di nostalgia, viene da pensare che quando si andava a scuola, portare a casa un voto pari a 6 era sufficiente e con il 7 o 7,5 si era stati addirittura bravi. Con gli ISA, ahinoi, tali voti non sono buoni e e la vecchia sufficienza non è... sufficiente.

Nostalgie a parte, occorre rilevare che non risultano ancora “visibili al pubblico” né il programma per l’inserimento dei dati (il sostituto “dell’amato” GERICO) né quello per acquisire ed inserire gli ulteriori dati attraverso la consultazione del “Cassetto Fiscale” del contribuente, all’interno dell’area riservata del sito dell’Agenzia Entrate.

Non vogliamo, in questa sede, entrare nel merito dell’ennesima difficoltà da adempimento, che durante la fase dichiarativa incontreranno i contribuenti e gli addetti ai lavori con la consultazione dei dati, l’acquisizione delle deleghe e la richiesta massiva tramite file delle informazioni necessarie per la funzionalità degli ISA.

Ci preme però sottolineare che i 60 giorni richiesti dallo Statuto del contribuente per conoscere il nuovo programma ISA sono stati intaccati e le scadenze originarie dei versamenti non possono essere rispettate.

Nella riunione della Commissione degli Esperti per gli ISA del 16.11.2018, al terzo punto dell’ordine del giorno “eventuali e varie”, sono stati trattati i temi relativi alle procedure per la messa a disposizione di contribuenti e intermediari, delle informazioni da parte dell’Agenzia Entrate. Dal 16.11.2018 quindi, siamo arrivati al 22.05.2019 senza alcun programma a disposizione.

Ed ancora.

In un verbale relativo alle osservazioni di “valutazioni comuni a valenza generale”, ad una domanda di RETE Imprese Italia con la quale veniva chiesta la puntualità nel rilascio del programma, l’Agenzia delle Entrate ha risposto che “con riferimento al software per l’applicazione degli ISA si fa presente che sarà reso disponibile con una tempistica analoga a quella di pubblicazione del software Gerico 2018”.

Guardando indietro negli anni si riscontra quanto segue:

- Gerico 2016 periodo d’imposta 2015 versione, 1.0.0 del 12.04.2016, 1.0.1 del 04.05.16 per arrivare addirittura alla versione 1.0.8 del 15.03.2017;

- Gerico 2017 periodo d’imposta 2016 versione 1.0.0 del 04.04.2017, 1.0.1 del 11.05.2017 per arrivare alla versione 1.0.2 del 17.07.2017;

- Gerico 2018 periodo d’imposta 2017 versione 1.0.0 del 30.04.2018, 1.0.1 del 24.05.2018 per arrivare alla versione 1.0.3 del 19.07.2018.

Noi capiamo le difficoltà dei tecnici che devono lavorare al progetto ISA ma, la politica che sempre promette ma non sempre mantiene, capisce le nostre difficoltà e quelle di decine di migliaia di addetti ai lavori che devono studiare, interpretare e mettere in pratica in pochi giorni, ciò che ha richiesto mesi di lavoro da parte dei tecnici?

Ridateci GERICO. 

 

Pesaro, 22.05.2019 

                                                                                                FONDAZIONE COMMERCIALISTITALIANI

                                                                                                                           Angelo Galdenzi

 


Invia commento comment Commenti (0 inviato)