Privacy Policy politicamentecorretto.com - IN CAMPO PER CONTRASTARE IL RISCHIO SUICIDI PER TASSE E DEBITI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

IN CAMPO PER CONTRASTARE IL RISCHIO SUICIDI PER TASSE E DEBITI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Un dato su tutti, negli ultimi otto anni quasi mille persone, grandi e piccoli imprenditori, hanno deciso di togliersi la vita; gente soffocata dalla paura di tasse e debiti. Un numero da brividi.

E’ da qui che Graziella Mazza e Antonio Molinaro dell’APS Formazione Promethes, sono partiti per impostare un piano di azione preventiva efficace.

Nasce così il libro “Salta L’ostacolo, liberati dalla paura di tasse e debiti” che racconta sette storie vere, celate da mentite spoglie, di uomini e donne che hanno attraversato l’inferno per poi trovare la luce grazie ad 8 strategie. Da lì le richieste dei lettore di avere le strategie da utilizzare. Gli hanno risposto subito con dei corsi pratici che sono partiti da oltre un mese, proprio dalla Calabria (già Lamezia Terme e Catanzaro e a giorni a Cosenza e Reggio Calabria) per viaggiare, in autunno, in tutta Italia. Obiettivo: affrontare in maniera lucida ed efficace la gestione del denaro, strumento benedetto e maledetto; un’azione preventiva ed educativa potentissima!

“In sole quattro ore- dice Molinaro, commercialista olistico- siamo in grado di impiantare la prima strategia che i partecipanti sperimenteranno prima in aula e poi nella propria vita per migliorarla o addirittura cambiarla. “Fai fruttare il tuo denaro, anche quello che ancora non hai”, questo il primo passo.

Ma chi non ha soldi come può far fruttare il denaro? A questa domanda la dott.ssa Mazza, psicologa strategico motivazionale, risponde diretta: “Certo, è quello che ci stanno instillando nella mente; che siamo poveri, disperati, senza idee e senza speranza in continuo conflitto con il denaro e ciò che rappresenta.  E’ il gioco delle parti. Eppure attorno a noi vivono menti geniali e grandi lavoratori. E allora, dove sta l’incastro?

Il primo è di natura mentale, si innesca nel pensiero. Ci convincono quotidianamente che il nostro destino è di rimanere a filo di povertà e quindi schiavo di tasse e debiti. Ci nutrono fin da piccoli con il pensiero che saremo dei disoccupati a vita. Perciò cercare un impiego o lavorare può diventare veramente demotivante.” Il secondo motivo è materia del dott. Molinaro. Commercialista, ha sentito forte l’esigenza di stravolgere la sua professione perché le persone sono sempre più disperate ed hanno bisogno di essere accolte, rassicurate e poi accompagnate verso soluzioni costruite sul bisogno del cliente. Questo progetto gli è valso il premio come idea imprenditoriale dell’anno, a Venezia, con il Leone di San Marco: “Disincagliato il pensiero bloccante, si può lavorare sul cuore del problema che è il seguente: le maggior parte delle persone non sa gestire il denaro. Che abbiano in tasca dieci, mille o diecimila euro, il problema è pressocchè lo stesso: non si sa cosa fare dei soldi, come e dove distribuirli. Questo comporta affaticamento mentale, dispersione di denaro ed una sensazione di impotenza.”

Conclude Graziella Mazza: “Il nostro obiettivo è rendere le persone consapevoli e capaci di autonomia economica: pensare ad una vacanza, poter programmare le spese impreviste e molto altro. E’ un onore, per noi avere un pubblico cosi vario: studenti universitari, mamme di famiglia, disoccupati, piccoli e grandi imprenditori, lavoratori statali o a tempo indeterminato. Ci sentiamo soddisfatti ed appagati quando riescono a fare il salto di qualità; vivere meglio il presente e riuscire a pensare ad un futuro dignitoso per se stessi e per i propri cari. E insieme insegnare un nuovo stile di vita ai propri figli e alle nuove generazioni!”


Invia commento comment Commenti (0 inviato)