Privacy Policy politicamentecorretto.com - Spagna, quattro italiani arrestati dopo una rissa. La zuffa è avvenuta a Cadice. Un giovane spagnolo, colpito con un calcio alla testa, è stato ricoverato in gravi condizioni

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Spagna, quattro italiani arrestati dopo una rissa. La zuffa è avvenuta a Cadice. Un giovane spagnolo, colpito con un calcio alla testa, è stato ricoverato in gravi condizioni

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Arrestati quattro italiani, con ogni probabilità campani, dalla polizia di Cadice, in Spagna, come presunti responsabili di una rissa, iniziata in una zona della movida e culminata nel pestaggio di un 30enne spagnolo, ora ricoverato in gravi condizioni. Lo riferisce il Diario de Cadiz, che pubblica anche un video shock dell'aggressione, in cui si vede il ragazzo cadere a terra per un pugno al volto e ricevere quindi un violento calcio in testa, che lo lascia incosciente, tra le urla degli amici. Al momento non sono note le cause che hanno scatenato la rissa. I quattro italiani, studenti in Erasmus secondo la stampa locale, sono stati tutti trasferiti alla stazione della polizia nazionale di San Fernando, da dove saranno portati in tribunale. La rissa, evidenzia Giovanni D'Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, è scoppiata questa mattina intorno alle 6:50 a Punta de San Felipe. Il giovane ferito è sedato nell'ospedale di Puerta del Mar, in attesa di conoscere l'entità delle lesioni. Gli arrestati, tra i 21 ei 29 anni, provengono dall'Italia meridionale e il presunto autore dell'attentato, di 29 anni, da Napoli.

Lecce, 25 maggio 2019                                                                                                                                                                                          

Giovanni D’AGATA


Invia commento comment Commenti (0 inviato)