Privacy Policy politicamentecorretto.com - Ritorno al Socialismo

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Ritorno al Socialismo

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 
di Manuel Santoro

 

Ritorniamo alle politiche economiche e sociali socialiste promuovendo l’alternativa al modello della centralità del capitale, denunciandone il totale fallimento nel soddisfacimento dei bisogni primari dell’uomo. Riavviamo la dialettica politica sulla centralità dell’essere umano e degli esseri viventi, dei loro bisogni e delle loro necessità.
 

Riattiviamo una dialettica politica che abbia al centro l’essere vivente e non il capitale. L’unica possibilità reale di affrancamento della società dalla sudditanza del Lavoro agli interessi del capitale usuraio è nel Socialismo, che punti al soddisfacimento dei bisogni delle popolazioni.
 

L’area del mondo che è oggi in fase di stagnazione permanente è l’Europa, perché attraverso i trattati che hanno dato vita a quel “mostrum” giuridico che è l’Unione Europea sono state imposte spietate regole neoliberiste. Come conseguenza di tali logiche si è dato vita ad una unione monetaria che non si fonda, come dovrebbe, su di un debito pubblico unico e su un unico livello di pressione fiscale e, soprattutto, su una Carta costituzionale pienamente condivisa dalle popolazioni. Avremmo dovuto fondare una Europa non certo monetaria. Così l’unione sulla moneta si è trasformata inevitabilmente in un nodo stretto al collo delle economie più deboli, quelle con minore capitalizzazione.
 

E’ in questa ottica che rimane punto fondante per il Socialismo valorizzare linee guida, direttrici politiche per il sollevamento economico, sociale e culturale di chi è indietro. Questo implica essere contro le politiche di austerità sin qui adottate, promuovere ed ottenere il primato della politica sulla finanza, chiedere con forza la realizzazione di un’Europa socialista. E’ altresì fondamentale capovolgere profondamente l’idea di Europa, le sue funzioni, i suoi vincoli. Ripensare le politiche di governo, locale, nazionale ed europeo, in modo tale da ricostruire un welfare di “pubblica utilità”.
 

Solo il ritorno al progetto socialista autentico può permettere all’Europa e al mondo di uscire dalla decadenza, dallo sfruttamento, cioè dalla stagnazione permanente, economica, sociale, culturale e comportamentale. Bisogna prendere atto del fatto che le politiche sociali tendenti a valorizzare l’uguaglianza, la giustizia sociale e la solidarietà tra gli uomini e tra i popoli, sono politiche antitetiche, aliene e, quindi, nemiche di un modello di capitalismo il quale, uccidendo il profitto da produzione, ha capito di potersi espandere senza limite rigenerando il capitale dal capitale.
 

L’incapacità della politica nazionale, europea ed internazionale, di contrapporre un modello di progresso sostenibile alternativo è ed è stata dettata dalla mancanza cronica dei soggetti politici e delle classi dirigenti di proporre un progetto politico di lungo periodo che coinvolgesse la società civile ad un dialogo per il futuro.
 

L’eclissi del Socialismo sta preparando l’eclissi della democrazia, del progresso, della giustizia sociale. E’ tempo di invertire la rotta.
 

L’Europa, che sta soffrendo, più di ogni altra area del mondo, a causa del trionfo delle “criminogene” politiche economiche neoliberiste, può conservare l’unità ed uscire dalla crisi solo invertendo marcia, solo scegliendo una nuova politica autenticamente “socialista”. Solo grazie a questa l’Europa potrà ricevere la spinta per procedere verso un’autentica unità politica. Occorre porre fine allo strapotere delle banche, fondato sugli squilibri delle risorse finanziarie dei vari stati e sul deficit di diritti delle lavoratrici e dei lavoratori.
 

Non vi sarà mai vera ripresa senza un rafforzamento della domanda interna con le politiche socialiste e senza combattere la speculazione attraverso il rafforzamento dello Stato sociale e l’intervento attivo e propositivo dello Stato nell’economia. La liberazione dallo sfruttamento capitalistico può avverarsi solo da un autentico ritorno al Socialismo.

 
da https://www.ideologiasocialista.it/index.php/home/editoriali/item/180-socialismo-santoro-ideologia-convergenza-capitalismo-ritorno

 

--

Per disdire/unsubscribe/ email a: info@convergenzasocialista.it

 

Convergenza Socialista

Partito socialista membro del Partito della Sinistra Europea e aderente al 'Forum europeo delle forze progressiste'

Socialist Party member of the Party of the European Left and the 'European Forum of the progressive forces'

 

Sitoweb del partito

http://convergenzasocialista.it

 

L'Ideologia Socialista - Rivista aperiodica teorica del Socialismo. Organo politico di Convergenza Socialista

https://www.ideologiasocialista.it/

 

Canale Youtube

https://www.youtube.com/channel/UC4JqMezhaIWdWeGqRK2gLNw

 

Twitter

https://twitter.com/ConvSocialista

 

Pagina Facebook

https://www.facebook.com/pages/Convergenza-Socialista/171587339621711

 

Gruppo Facebook

https://www.facebook.com/groups/117198678431356/

 

email:

info@convergenzasocialista.it

tesoreria@convergenzasocialista.it

Invia commento comment Commenti (0 inviato)