Privacy Policy politicamentecorretto.com - PROCESSO ETERNIT BIS: LA CORTE RIGETTA L'ECCEZIONE DI "NE BIS IN IDEM", SOLLEVATA DALLA DIFESA DELL'IMPUTATO STEPHAN SCHMYDHEINY - L'OSSERVATORIO AMIANTO AUSPICA VITTORIA PIENA E MASSIMO RISARCIMENTO PER FAMIGLIE E VITTIME

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

PROCESSO ETERNIT BIS: LA CORTE RIGETTA L'ECCEZIONE DI "NE BIS IN IDEM", SOLLEVATA DALLA DIFESA DELL'IMPUTATO STEPHAN SCHMYDHEINY - L'OSSERVATORIO AMIANTO AUSPICA VITTORIA PIENA E MASSIMO RISARCIMENTO PER FAMIGLIE E VITTIME

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image


 

 

 

 

Donatella Gimigliano

Responsabile Ufficio Stampa Osservatorio Nazionale Amianto

Giornalista – Relazioni Pubbliche & Comunicazione

 

Email: d.gimigliano@bixpromotion.it

 

                                              Comunicato stampa

Processo Eternit Bis: la corte rigetta l'eccezione di "ne bis in idem", sollevata dalla Difesa dell'imputato Stephan Schmydheiny

Il presidente ONA Bonanni: “Avanti con il processo con l'auspicio di una condanna del magnate svizzero. Il nostro impegno sarà di ottenere il massimo risarcimento per le famiglie”

 

Napoli, 25 giugno 2019 - Si è tenuta oggi la quarta udienza dibattimentale del processo Eternit bis, che si è svolto nell’aula 116, dinanzi la II Sezione della Corte di Assise di Napoli presieduta da Alfonso Barbarano, giudice a latere, Maurizio Conte.

La Corte, rigettando la richiesta di "bis in idem" avanzata dalla difesa dell'imputato Stephan Schmydheiny, si è soffermata sulla diversità del fatto per il quale si procede: l'imputazione, in questo processo, ha ad oggetto l'omicidio volontario di ben otto lavoratori e non - come nel precedente processo - il disastro e la rimozione ed omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro attuata dall'ex A.D. dell'Eternit (reati di cui agli artt. 434 e 437 c.p.). Pertanto, non sussiste quella medesimezza del fatto richiesta dall'art 649 c.p.p., necessaria per addivenire ad una sentenza di proscioglimento o di non luogo a procedere. “Giustizia sarà fatta. Avanti con il processo con l'auspicio che le ipotesi accusatorie trovino conferma con la condanna del magnate svizzero Stephan Schmidheiny. Se l'esito andrà nella direzione sostenuta dall'accusa, il nostro impegno sarà quello di ottenere il massimo risarcimento per le famiglie” – dichiara soddisfatto l'Avv. Ezio Bonanni, Presidente dell'Osservatorio Nazionale Amianto che, nel processo Eternit (stabilimento di Bagnoli) in Corte di Assise a Napoli, si è costituito parte civile con l'Avv. Flora Rose Abate, del Foro partenopeo. Il processo è stato aggiornato alla prossima udienza del 27.09.2019 ore 11:00 per l'escussione dei CCTTUU dell'accusa.

 


Invia commento comment Commenti (0 inviato)