Privacy Policy politicamentecorretto.com - Ecco come muore un diritto individuale, il decreto legge 'Englaro'

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Ecco come muore un diritto individuale, il decreto legge 'Englaro'

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

di Pietro Yates Moretti

 

 

 


Il Consiglio dei Ministri ha votato all'unanimita' il decreto legge che riguarda anche il caso di Eluana Englaro, "ispirato al lavoro di molti costituzionalisti e in particolare all'intervento del presidente emerito della Consulta Onida". Lo ha detto il premier Silvio Berlusconi al termine del Cdm. Il decreto, ha riferito Berlusconi, dice che "in attesa dell'approvazione della completa e organica disciplina legislativa sul fine vita alimentazione e idratazione in quanto forme di sostegno vitale e fisiologicamente finalizzate ad alleviare le sofferenze non possono in alcun caso essere sospese da chi assiste soggetti non in grado di provvedere a se' stessi".

Incostituzionale perche':
1. si propone di annullare una sentenza della Corte Suprema di Cassazione, massimo organo di un potere, quello giudiziario, separato da quello esecutivo
2. viola l'articolo 32 della Costituzione: "Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario"
3. introduce una chiara discriminazione fra pazienti senzienti e pazienti non senzienti: i primi possono continuare a rifiutare i trattamenti, i secondi no.

Costituzionale perche':
1. la giustizia non funziona
2. i politici non sono eletti ma nominati
3. l'opposizione e' quella che e' (nulla)
4. lo dice il Vaticano
5. l'Italia vive un irreversibile declino culturale, economico, civile, legale, politico, sociale, istituzionale, intellettuale, scientifico
 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)