Privacy Policy politicamentecorretto.com - Un caccia italiano intercetta velivolo diretto a Samedan in Grecia. L'aereo civile partito da Israele aveva perso il contatto radio con le autorità di controllo del traffico aereo

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Un caccia italiano intercetta velivolo diretto a Samedan in Grecia. L'aereo civile partito da Israele aveva perso il contatto radio con le autorità di controllo del traffico aereo

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Un velivolo civile, partito da Israele e diretto a Samedan (GR), è stato intercettato da un caccia Eurofighter dell'Aeronautica militare italiana. L'apparecchio, un Gulfstream IV alzatosi in volo dall'aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv, aveva perso il contatto radio con le autorità di controllo del traffico aereo. L'ordine di decollo immediato, 'scramble' in gergo tecnico, del caccia italiano è partito dal Caoc (Combined Air Operation Center) di Torrejon, in Spagna, l'ente della Nato responsabile della sicurezza aerea dell'area, in coordinamento con il Comando operazioni aeree (Coa) di Poggio Renatico, in Emilia Romagna. Il caccia, dopo essersi alzato in volo dalla base di Istrana (Treviso), ha intercettato il velivolo nei cieli tra la laguna di Venezia e Mestre. Dopo aver preso contatto con i piloti ed aver accertato che non vi fossero problemi per la sicurezza, l'Eurofighter F-2000 ha scortato il velivolo fino ai confini dello spazio aereo italiano e l'ha fatto rientro alla base. Questo episodio, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si inserisce nella sempre più stretta vigilanza contro il terrorismo dopo l’attentato dell’11 settembre a New York. Da allora le misure di sicurezza negli scali si sono rafforzate enormemente nel timore di nuovi attacchi kamikaze.

Lecce, 19 luglio 2019                                                                                                                                                                                            

Giovanni D’AGATA


Invia commento comment Commenti (0 inviato)

Altre notizie