Privacy Policy politicamentecorretto.com - Il Papa e le “bambine” di clausura

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Il Papa e le “bambine” di clausura

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

«Questo Papa – voi direte – è un po’ “folklorico”, perché invece di parlarci di cose teologiche, ci ha parlato come a delle bambine. Magari foste tutte bambine nello spirito, magari! Con quella dimensione di fanciullezza che il Signore ama tanto». Parole del Papa alle suore di clausura di Antananarivo nel Madagascar. Deve aver letto, papa Francesco, l’accusa negli occhi di qualche suora intelligente, e ha messo le mani avanti. Ha detto la verità: ha parlato alle monache, poverette, come se fossero delle bambine, forse anche un po’ sciocchine:  «Ognuna di voi, per entrare in convento, ha dovuto lottare, ha fatto tante cose buone e ha vinto, ha vinto: ha vinto lo spirito mondano, ha vinto il peccato, ha vinto il diavolo. Forse, il giorno in cui tu sei entrata in convento, il diavolo è rimasto sulla porta, triste: “Ho perso un’anima”, e se n’è andato». Ma vi pare? E non potrebbe essere che il diavoletto si sia fregato le mani dalla contentezza? Che magari abbia detto fra sé: “Ecco un’altra che non avrà mai la possibilità di soccorrere il viandante percosso dai briganti, che non avrà mai la possibilità di visitare i malati negli ospedali e i detenuti nelle carceri. Ecco un’altra che non avrà mai la possibilità di soccorrere la propria madre se avrà bisogno di lei. Ecco un’altra che s’illude di far cosa gradita a Dio chiudendosi per tutta la vita tra quattro mura”. 

Altro discorso che si addice a bambine forse un po’ sciocchine: «Per te è Gesù la priora. “Ma la priora è un po’ anziana, non le funzionano bene le cose…”. Lascia che decida il capitolo; tu, se vuoi dire questo, lo dici in capitolo, ma tu vai dalla priora, perché è Gesù... È vero, bisogna riconoscere che non tutte le priore sono il premio Nobel della simpatia! Ma sono Gesù. La via obbedienziale è quella che ti assoggetta nell’amore, ci fa soggetti all’amore».

Se la priora è una sorta di diavolo, non fa niente, magari ne parli in capitolo, però tu obbedisci alla priora anche se è perfida come il diavolo, perché per te la priora è Gesù, anche se con Gesù non ha niente da spartire. E’ l’opposto di Gesù, ma per te è Gesù. Vai dalla priora, obbedisci alla priora anche se è diabolica, perché la via obbedenziale ti assoggetta all’amore.

Ma certamente. Sta scritto nel Vangelo che bisogna obbedire alla priora, anche se non è Gesù ma Belzebù?

Renato Pierri

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)