Privacy Policy politicamentecorretto.com - Asu Sicilia: governo e maggioranza rispettino accordi su stabilizzazioni

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Asu Sicilia: governo e maggioranza rispettino accordi su stabilizzazioni

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 
Palermo, 11 settembre 2019 – “Il governo guidato dal presidente Musumeci e i gruppi politici all’Ars Diventerà Bellissima, Forza Italia, Udc, Fratelli d’Italia, Ora Sicilia e M5S rispettino gli accordi sottoscritti con la nostra sigla sulla stabilizzazione dei 5.000 lavoratori Asu siciliani. Ci aspettiamo che il provvedimento sia inserito nel collegato in discussione a Palazzo dei Normanni e che l’Assemblea provveda per tempo al prolungamento della copertura finanziaria in scadenza il prossimo 31 dicembre”. Lo dicono Vito Sardo e Mario Mingrino, segretari regionali dell’Ale Ugl Sicilia.
“Si tratta di una soluzione – spiegano – che non determina costi aggiuntivi per le casse regionali, ma che allo stesso tempo estende da 5 a 20 anni il contributo concesso agli enti utilizzatori, con comprovate capacità assunzionali, per la stabilizzazione degli Asu presenti nella loro pianta organica”.
“Inoltre – aggiungono Sardo e Mingrino – toglie il vincolo dei 10 anni di lavoro ancora da svolgere per consentire ai lavoratori in possesso dei requisiti di fuoriuscire dal bacino in cambio di una serie di incentivi economici. Mentre per tutti gli altri prevede il passaggio in altri enti, con comprovate capacità assunzionali, partecipati o controllati dalla Regione Siciliana”.
“Dopo 20 anni di precariato – concludono – non si può più attendere. Abbiamo bisogno di certezze adesso. Per questo siamo pronti ad adottare tutte le forme di protesta”.

 

-- 

L'addetto stampa

Matteo Scirè

Invia commento comment Commenti (0 inviato)