Privacy Policy politicamentecorretto.com - Riaposta del ministro relativa al Centro Enea

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Riaposta del ministro relativa al Centro Enea

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Il Ministro dello Sviluppo Economico, on. Claudio Scajola, su delega della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha risposto all’interrogazione presentata in data 16 settembre 2008, dall’On. Angela Napoli (PDL), e relativa al Centro Enea della Trisaia di Rotondella.


In via preliminare, occorre precisare che il Centro ENEA di Trisaia svolge attività di ricerca nel settore delle fonti rinnovabili, delle agro biotecnologie e della ingegneria avanzata applicata al settore dei rifiuti, ed assicura al sito nucleare ITREC di Trisaia, gestito dalla Sogin Spa, esclusivamente supporto nei servizi di funzionamento.

Per quanto concerne il Piano globale di disattivazione del citato sito nucleare, il Ministero dello Sviluppo Economico ha rilasciato la licenza di esercizio dell'impianto con provvedimento del 26 Luglio 2006 fissando, ai sensi dell'art. 55 Decreto legislativo n.230/1995, la scadenza del 26 luglio 2011 per la presentazione dell' istanza di disattivazione.
Nel corso del 2007, la società Sogin ha avviato le attività preliminari del citato Piano, predisponendo una relazione sullo stato dell'impianto nucleare ITREC ed effettuando una caratterizzazione radiologica del sito e dell'impianto medesimo, le cui attività saranno completate entro il 2009.
Inoltre, coerentemente con gli obiettivi di accelerazione delle attività di decommissioning, previsti dal Piano industriale approvato il 18 settembre 2008, la Sogin prevede il completamento del 51 % delle attività di smantellamento dell'impianto ITREC entro i1 2012.
Per quanto attiene alla sistemazione dei rifiuti solidi pregressi ad alta e bassa attività, prodotti in Trisaia dal 1968 ad oggi, si segnala che tali rifiuti sono stati caratterizzati ed oltre il 50% degli stessi è stato trattato e condizionato.
Da tale trattamento sono stati ottenuti 340 manufatti pronti per lo stoccaggio definitivo, attualmente immagazzinati in depositi temporanei presenti sul sito di Trisaia.
Il deposito temporaneo, autorizzato con Decreto del Ministero delle Attività Produttive del 2002 per lo stoccaggio temporaneo dei manufatti cementizi, è stato ultimato nel dicembre 2006 ed i collaudi sono stati effettuati a gennaio 2007.
Per quanto attiene la rimozione e la bonifica del deposito interrato (la cosiddetta fossa 7.1), si segnala che, nel febbraio 2007, sono stati realizzati 6 pozzi piezometrici e 4 pozzi di drenaggio per ulteriori controlli della falda e della rete di radioattività ambientale.
Il 4 agosto 2007, è stato trasmesso all'ex APAT (oggi ISPRA) il Rapporto di progetto particolareggiato e, contestualmente, è stato completato il piano di monitoraggio straordinario predisposto da Sogin e approvato dall'ex APAT stessa.
Successivamente, nell' ottobre 2007, è stata realizzata la barriera di isolamento idraulico e nell' agosto 2008 è stata completata l'impermeabilizzazione del deposito interrato. Il termine dei lavori di bonifica è previsto per la fine del 2010 - inizio  2011.
Al riguardo, si evidenzia, inoltre, che i lavori di manutenzione e di bonifica della condotta per lo scarico a mare sono diretti dalla Sogin, sotto il controllo del servizio di Fisica Sanitaria Operativa (FSO), che effettua controlli radioprotezionistici.

L'ex APAT e ARPAB hanno eseguito, infatti, campionamenti sulle stesse matrici analizzate da Sogin. L'ex APAT, in particolare, ha partecipato ad alcune fasi delle operazioni, secondo un proprio programma di vigilanza ed, in tre successive ispezioni, ha ritenuto corretta l'applicazione delle norme e delle procedure prescritte.
Il 5 giugno 2008, quindi, la Regione Basilicata ha autorizzato le opere a mare (varo nuova tubazione), che sono state ultimate nello scorso mese di settembre.
Il 30 maggio 2008, Sogin ha trasmesso all'ex APAT ed al Ministero dello Sviluppo Economico il rapporto di progetto particolareggiato per l'impianto di cementazione del prodotto finito (ICPF) e del relativo deposito temporaneo manufatti (DTMC). La realizzazione del mock-up (sistema di simulazione del funzionamento dell' impianto definitivo) è stata ultimata alla fine del 2008 ed è stato emesso il bando di gara per la realizzazione dell'impianto. La conclusione delle attività di qualifica della matrice cementizia è prevista entro dicembre 2009.
Per quanto attiene lo stoccaggio a secco degli elementi di combustibile uranio-torio (Elk River), nel corso delle attività condotte nel periodo '75 - '78 sono stati ripromessati  20 degli 84 elementi di combustibile uranio-torio.
Risultano in corso, inoltre, le seguenti attività che saranno completate
entro il 2009:
- pulizia fondo piscina;
- collaudo dei sistemi di movimentazione dei cask;
- realizzazione dell' area di decontaminazione dei cask;
- realizzazione del sistema d'ispezione visiva degli elementi di combustibile.
Per quanto riguarda, in particolare, i cask, si segnala che la fabbricazione degli stessi è prevista entro aprile 2012, mentre il completamento delle attività e lo stoccaggio dei cask nel deposito sono previsti per la fine del 2013.
Si segnala, infine, che il Ministero dello sviluppo economico si rende disponibile ad attivarsi presso le Amministrazioni competenti, al fine di valutare la possibilità di avviare sul territorio un' azione di monitoraggio, relativa all'impatto ambientale ed un'indagine di carattere epidemiologico.


Il MINISTRO

Invia commento comment Commenti (0 inviato)