Privacy Policy politicamentecorretto.com - Vomero: l’orologio di piazza Vanvitelli anticipa l’ora solare

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Vomero: l’orologio di piazza Vanvitelli anticipa l’ora solare

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

            “ Da quando è stato ripristinato, dopo lustri di onorato servizio, lo storico orologio di piazza Vanvitelli, tra gli 11 “superstiti” dei 40, installati, più di 80 anni or sono, nelle strade e nelle piazze del capoluogo partenopeo, dall’Ente Autonomo Volturno e denominati “ Impianti dell’ora unica “, ogni tanto perde colpi e dà, per cosi dire, i numeri – afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -. Anche in questi giorni, i numerosi vomeresi, che un tempo facevano affidamento su quest’impianto per fissare i loro appuntamenti, hanno potuto osservare l’ennesima bizzarria “.

 

            “ Difatti  - prosegue Capodanno - nonostante che, notoriamente, l’ora legale resterà in vigore fino a domenica 27 ottobre, le lancette di entrambi i quadranti si sono già spostate un’ora indietro riportandosi all’ora solare con un mese d’anticipo “.

 

            “ Ci auguriamo che la stessa cosa – continua Capodanno – non sia avvenuta anche per gli altri orologi pubblici della cosiddetta “ora unica”, che si trovano in via S. Lucia, in piazzetta Duca d’Aosta, al Museo, in via del Sole, in piazza Cavour, in via Filangeri, in via Mezzocannone, a Montesanto, in via Diaz e in via Duomo “.

 

            “ L’ennesimo esempio di scarsa attenzione alla manutenzione dell’arredo urbano cittadino – conclude Capodanno -, con tempi che, come suol dirsi, continuano ad essere scanditi “a sentimento”, per rimarcare, forse, l’abitudine di far precedere, sovente, all’ora fissata per un appuntamento, dall’avverbio “intorno” che ne rimarca l’aleatorietà tutta partenopea “.

 

           

Invia commento comment Commenti (0 inviato)