Privacy Policy politicamentecorretto.com - MATTEO RENZI. UN PO’ REVANSCISTA ED UN PO’ NARCISISTA CHE NON SERVE ALL’ITALIA IN QUESTO MOMENTO

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

MATTEO RENZI. UN PO’ REVANSCISTA ED UN PO’ NARCISISTA CHE NON SERVE ALL’ITALIA IN QUESTO MOMENTO

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image
 

 
Ho amici di alto spessore culturale, inclusi psichiatri che meglio sicuramente del sottoscritto sanno psicanalizzare le persone, amici che, proprio oggi, dopo aver sopravvalutato per molto tempo il politico Renzi, hanno abdicato al mio modesto pensiero secondo il quale l’ex primo ministro dello “stai sereno” mi è da sempre sembrato un...pallone gonfiato ancor peggio di Berlusconi.
Come si fa a non capire che anche la sua ultima performance attraverso la fondazione di Italia Viva altro non è se non uno strumento politico di rivincita rispetto alle tante débacle occorsegli durante gli ultimi anni, alias revanscismo ?
Come si fa a non capire che le sue apparizioni in Tv, ultima da me vista in Otto e mezzo, programma condotto dalla Gruber, non hanno fatto altro che dimostrare che nel suo subconscio esiste un disturbo atavico che nasce dal desiderio di essere il primo della classe ?
Se a questi miei legittimi giudizi si aggiunge il fatto dell’assoluta irresponsabilità da parte di Renzi con conseguenze che potrebbero far sparire non solo il suo partito, ma compromettere le sorti dell’Italia proprio in un momento in cui essa sembra riprendere fiato, allora al revanscismo politico ed al narcisismo della persona, si aggiunge anche una grande irresponsabilità nei confronti del Paese della quale – passatemi il termine volgare – egli sembra  “fottersene…”
Per concludere dovrei anche aggiungere l’aggettivo “inaffidabile” se è ben vero che le sue varie ed esplicite dichiarazioni di dimettersi in caso di sconfitta (e ce ne sono state tante!) non si sono mai materializzate… ma disattese  se non  addirittura rinvigorite  secondo  mia  succitata anamnesi … 
Questo il mio giudizio.
Arnaldo De Porti

Invia commento comment Commenti (0 inviato)