Privacy Policy politicamentecorretto.com - L’ASTENSIONE DELL’AVVOCATURA ITALIANA SULLA NORMA “FINEPROCESSOMAI” CHE FERISCE MORTALMENTE LA PRESCRIZIONE DEI REATI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

L’ASTENSIONE DELL’AVVOCATURA ITALIANA SULLA NORMA “FINEPROCESSOMAI” CHE FERISCE MORTALMENTE LA PRESCRIZIONE DEI REATI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

  

 

Come è noto, l’Avvocatura tutta si è sollevata contro quella norma, aberrante, che inibisce il decorso del termine di prescrizione dei reati dopo la pronuncia della sentenza di primo grado (come posta dall’art. 1, 1° co., lett. d), e) e f), della legge 9.01.2019 n. 3, cd. “legge spazzacorrotti”), la quale entrerà in vigore il 1° gennaio 2020.

Una norma che decreta il “FineProcessoMai” e che non esitiamo a chiamare obbrobrio “SpazzaDirittideiCittadini”, in quanto come si è detto ci trasforma tutti in potenziali eterni imputati, in contrasto con i più basilari principi costituzionali.

Il Movimento Forense, sin da subito, si è schierato dalla parte del diritto e dei cittadini, chiedendo l’eliminazione della citata disposizione, ed altresì invitando l’OCF ad aderire all’iniziativa delle Camere Penali, che hanno proclamato l’astensione dalle udienze e da ogni attività giudiziaria nel settore penale per i giorni 21, 22, 23, 24 e 25 ottobre 2019, estendendo l’astensione a tutti i settori della giurisdizione, rendendo così tale protesta propria dell’Avvocatura intera.

Prendiamo atto dell’odierno comunicato dell’OCF con cui, in parziale accoglimento di quanto richiesto da MF, viene indetta “l’astensione dalle udienze  e  da  tutte  le  attività  giudiziarie,  in  ogni  settore  della Giurisdizione, per il giorno 25 ottobre 2019, in conformità alle disposizioni del codice di autoregolamentazione”.

Pertanto il Movimento Forense, invita i Colleghi e le Colleghe ad aderire all’astensione indetta dalle Camere Penali per quanto concerne l’attività giudiziaria nella giurisdizione penale, mentre, per tutte le altre giurisdizioni, esorta ad attenersi a quanto deliberato dall’Organismo Congressuale Forense.

Non può, infine, tacersi che sarebbe stato opportuno che l’astensione fosse stata sin dal principio concepita ed organizzata come iniziativa dell’Avvocatura tutta, con modalità e durata omogenee, a rafforzare la doverosa battaglia contro l’ideologia barbarica, incivile ed incostituzionale che vuole i cittadini costretti alla condizione di imputati a vita.

L’augurio è che le prossime sfide e battaglie a difesa dei diritti fondamentali dei cittadini, non ci trovino impreparati e disuniti, come ancora una volta purtroppo è accaduto.

Avv. Massimiliano Cesali

Presidente del Movimento Forense

Invia commento comment Commenti (0 inviato)