Privacy Policy politicamentecorretto.com - L’eutanasia e i trapianti di cuore

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

L’eutanasia e i trapianti di cuore

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

“Il cuore adoperato per un trapianto è perfettamente pulsante, anche se il vecchio proprietario ha il cervello che non funziona più (elettroencefalogramma piatto). Una situazione identica a tanti ricoverati da anni, senza speranza, nei nostri centri di rianimazione, anche loro con il cervello distrutto, ma con un cuore o i polmoni malandati che non interessano per un trapianto. Se a questi soggetti asportassimo il cuore senza utilizzarlo sarebbe eutanasia? E come mai non lo è se l’organo serve per un trapianto?”.

Considerazione importante, alla quale nessuno ha dato importanza. Nessun commento a riguardo, infatti, sul blog de L’espresso curato da Stefania Rossini. A scrivere è il medico Achille Della Ragione. Voleva dire: “Come mai non è considerata tale, se l’organo serve per un trapianto?”. E ci sarebbe da aggiungere: “Non è più sacra e inviolabile?”

 La domanda andrebbe posta ai sostenitori della vita a tutti i costi, anche quando diventa insopportabile e senza speranza. Andrebbe posta alla Chiesa che condanna eutanasia e suicidio assistito. Andrebbe posta a papa Francesco che nell’aprile scorso disse ai volontari dell’AIDO: “Dalla nostra stessa morte e dal nostro dono possono sorgere vita e salute di altri, malati e sofferenti, contribuendo a rafforzare una cultura dell’aiuto, del dono, della speranza, della vita. Di fronte alle minacce contro la vita, cui dobbiamo purtroppo assistere quasi quotidianamente, come nel caso dell’aborto e dell’eutanasia, la società ha bisogno di questi gesti concreti di solidarietà e di amore generoso”.

A proposito di trapianti di cuore, colgo l’occasione per segnalare a chi non lo avesse letto, il bellissimo romanzo “Riparare i viventi” di Maylis de Kerangal. Un capolavoro.

Renato Pierri

Invia commento comment Commenti (0 inviato)