Privacy Policy politicamentecorretto.com - San Lorenzo (Rc): interrogazione parlamentare di Parentela (M5S), "progetto in aree tutelate, i lavori vanno bloccati"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

San Lorenzo (Rc): interrogazione parlamentare di Parentela (M5S), "progetto in aree tutelate, i lavori vanno bloccati"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Il deputato M5s Paolo Parentela ha interrogato i ministri dell’Ambiente e dei Beni culturali a proposito del completamento del lungomare della marina di San Lorenzo (Rc), chiedendo urgenti iniziative di competenza per le aree tutelate presso cui saranno realizzati i lavori. Secondo il parlamentare del Movimento 5 Stelle, «il progetto esecutivo è stato approvato malgrado quello definitivo non sia stato sottoposto, come invece richiede la legge, alla verifica di assoggettabilità a Via, benché contrario alle disposizioni del Quadro territoriale regionale paesaggistico della Calabria, che vieta interventi di tale natura, e malgrado la Soprintendenza ai beni paesaggistici abbia espresso parere negativo». «Aspetto molto grave – sottolinea il parlamentare – è che, pur ricadendo l’intervento in area Sic, il progetto esecutivo non sia stato preceduto dallo studio d’incidenza ambientale, essenziale per escludere o affermare la necessità della Valutazione d’incidenza da parte della Regione Calabria». A giudizio del deputato l’infrastruttura in questione «costituisce una vera e propria barriera, una drastica soluzione di continuità tra il centro urbanizzato e la fascia di costa e di spiaggia, come peraltro già osservato con cognizione da Italia Nostra Onlus». «Sono vicino – assicura Parentela – a tutti gli amici ambientalisti che nello specifico stanno portando avanti un’importante battaglia di civiltà contro l’ennesima opera a danno della bellezza della costa calabrese. Utilizzerò tutti gli strumenti disponibili per contribuire a bloccare i lavori, il cui iter amministrativo risulta caratterizzato da palesi illegittimità».

Invia commento comment Commenti (0 inviato)