Privacy Policy politicamentecorretto.com - A favore dell'eutanasia? No, ma contro quella clandestina

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

A favore dell'eutanasia? No, ma contro quella clandestina

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

Intervento della senatrice Donatella Poretti parlamentare Radicali - Partito Democratico, segretaria della Commissione  Igiene e Sanita'. membro di giunta dell'associazione Luca Coscioni

Il sen. Michele Saccomanno, con l'intenzione di dare lezioni al partito avverso al suo su come ci si dovrebbe comportare, e' riuscito a leggere la mia recente elezione a segretaria della commissione Igiene e Sanita' del Senato come parte di un piano del sen. Ignazio Marino per "eutanasizzare" i cattolici del Pd. Infatti sarebbe stato fatto fuori il precedente segretario Claudio Gustavino, perche' cattolico democratico e sostituito da me in quanto "convinta eutanasista".
Lascio al sen. Saccomanno le proprie fantasie e le proprie letture di strategia politica, ma visto l'appellativo di "convinta eutanasista" che mi affibbia, e' forse il caso per mettere alcuni puntini sulle "i" su come si presenta il quadro nel difficile confronto parlamentare che andremo a fare in materia.
Lo contrapposizione e' tra chi e' a favore dell'eutanasia illegale diffusa e chi la vuole regolamentare, proprio per evitare gli abusi.
Io sono per la regolamentazione, contro i fautori della "zona grigia", quelli che credono che e' il familiare, o chi per lui, a decidere con il medico la fine della vita della persona, senza vincoli dettati dalla legge in cui il principio dell'autodeterminazione e della volonta' dell'individuo sia dirimente.
Il disegno di legge che ho presentato con il sen. Marco Perduca (1) recita un principio di cui vorremmo si potesse parlare liberamente e senza freni ideologici: ogni persona in condizioni terminali o in caso di malattia gravemente invalidante, irreversibile e con prognosi infausta, ha il diritto di porre termine alla propria esistenza. Un diritto individuale non toglie diritti agli altri, su questo come su altri temi. Un diritto negato sono diritti in meno per altri.
Ma, purtroppo, ho l'impressione che alla pacatezza di un confronto con questa impostazione, cosi' come conferma l'intervento del sen. Saccomanno, si preferisca la "caciara" e la mistificazione delle idee e delle posizioni del propri avversario. Col mio rigore politico, saro' sempre in prima linea nel denunciare queste mistificazioni.

(1) http://blog.donatellaporetti.it/?p=186

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)